• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Estremo, Outdoor, Primo Piano

1300 km in slitta tra i ghiacci dell’Alaska sulle tracce delle antiche vie degli esploratori trentini

slitta, alaska, maurizio belli, fulvio giovannini, esplorazione, trentino, trento film festivaMaurizio Belli e Fulvio Giovannini con il team che ha realizzato la super slitta – Foto FB @Alaska Adventures di Maurizio Belli

1300 chilometri in 54 giorni tra i ghiacci dell’Alaska, da Fort Yukon ad Anchorage.

Questa l’impresa, dal titolo “Alaska 2019 Ski Walking Winter Expedition”, portata a termine tra marzo e aprile da due esploratori italiani, Maurizio Belli e Fulvio Giovannini, presentata negli scorsi giorni al Trento Film Festival.

Un viaggio compiuto con una “super slitta” made in Trentino, dal nome “3SKA”, costruita da un gruppo di nove studenti del Dipartimento di ingegneria industriale dell’Università di Trento, guidati dai professori Stefano Rossi e Luca Fambri.

Il mezzo, unico in Italia sia in termini di utilizzo che di materiali scelti per la sua costruzione, è nato come mezzo anfibio da terra e neve. Di base uno scafo dalla forma tradizionale con due perni a sbalzo montabili all’occorrenza per dotare la struttura, altrimenti ottima per scivolare sulla neve, della capacità di viaggiare anche sull’asfalto.

Una soluzione ottimale per affrontare il dinamico paesaggio dell’Alaska.

Il completamento della “Alaska 2019 Ski Walking Winter Expedition” segna anche la conclusione del progetto più ampio in cui questa si inserisce, dal titolo “Transcanada Alaska winter expedition”. Una traversata del Canada e dell’Alaska da sud a ovest fino al mare di Bering e l’Alaska dall’Oceano Pacifico al Mare Glaciale Artico, avviata nel 1993 sulle tracce delle antiche vie degli esploratori trentini a caccia dell’oro.

L’idea nasce dalla curiosità di Maurizio Belli che, sentendo i racconti familiari, decide di ripercorrere le vie già battute dal nonno che abbandonò il Trentino per cercare fortuna in quelle lande gelide e desolate. Alla prima spedizione del ’93 ne faranno seguito altre 3, nel 1997, 2011 e 2014. Una lunga avventura sui ghiacci che verrà anche raccontata in un libro e un film da presentare al Trento Film Festival 2020.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.