• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Messner contro il concerto di Jovanotti a Plan de Corones. Il WWF: nessun impatto sull’ambiente

Reinhold Messner, plan de corones, jovanotti, wwf, concertoIl concerto di Tom Walker a Plan de Corones dello scorso marzo – Foto FB @Tom Walker

Il Jova Beach Party, tour dell’estate 2019 del cantante Jovanotti nato in collaborazione con il WWF, ha in lista una sola tappa di montagna. Un concerto in programma il 24 agosto al Plan de Corones in Alto Adige, a 2.275 metri di altitudine che, a più di 4 mesi dall’evento sta già scatenando polemiche. E non si tratta della voce del popolo che reclama il silenzio in quota ma quella di Reinhold Messner.

Non posso vietarlo, ma lo farei se potessi”, questa la dichiarazione chiara e lapidaria dell’alpinista che proprio a Plan de Corones ha aperto uno dei suoi musei dedicati alla storia dell’alpinismo. “Qui si viene a cercare il silenzio” – si legge in una intervista rilasciata al quotidiano Repubblica – “quello show porta solo rumore. Non giudico Jovanotti come artista, non lo conosco bene ma mi sembra insensato fare un concerto in cima alla nostra montagna d’estate. Semplicemente perché non è una cosa necessaria”.

Per Messner il concerto previsto non sarebbe altro che un copia incolla di eventi simili e di successo messi in campo in altre località montane, con forte impatto sull’ambiente in termini di inquinamento acustico. Una moda che rischia di espandersi come quella delle piattaforme di vetro che consentono di camminare sul vuoto.

Andrea Del Frari, Direttore Skirama Plan de Corones, ha replicato sottolineando che la località da almeno 50 anni non sia più una montagna in senso stretto, ma un vero e proprio polo economico, dove il turismo va a braccetto con gli sport invernali, che portano un notevole indotto sul territorio. Una dichiarazione che sembra sottintendere il posto secondario assunto dall’”ambiente montagna” a Plan De Corones, che dunque diventa luogo idoneo a mettere in campo vere e proprie feste destinate ai “giovani, giovanissimi e anche ai meno giovani. Una festa per le famiglie in un contesto particolare”. Del Frari ha anche tenuto a chiarire che la scelta della location da parte di Jovanotti non è stata casuale, ma legata appunto alla disponibilità di infrastrutture idonee allo “svolgimento della performance senza compromette l’equilibrio tra tecnica e natura”.

E per rispondere alle accuse di inquinamento acustico, ha aggiunto che “chi sale a Plan de Corones, sia d’estate che d’inverno non cerca silenzio e introspezione, ma adrenalina e divertimento, emozioni in quota che solo grazie alla risalita con impianto sono possibili. Inoltre i percorsi in quota sono praticabili anche per persone con difficoltà motorie, e questo permette di godere della vista panoramica mozzafiato a 360° sulle Alpi e Dolomiti anche a chi non ne avrebbe possibilità“.

Prima dell’artista poche settimane fa Plan de Corones ha già ospitato un concerto di Tom Walker, che ha contato 10.000 presenze. A detta del Direttore, una ennesima riprova del fatto che si tratti di una “montagna viva che offre tante possibilità di intrattenimento e svago, sia sportivo sia culturale”.

Anche il WWF è sceso in campo a difesa di Jovanotti, richiamando alla memoria collettiva il caso del concerto del medesimo artista annullato presso la spiaggia di Torre Flavia a Ladispoli, in quanto l’inquinamento acustico avrebbe creato disturbo alla zona limitrofa di nidificazione dei fratini. In quel caso il motivo dell’annullamento era più che valido, ma per Plan de Corones non sussisterebbero, a loro avviso, rischi per l’ambiente. E in aggiunta, i partecipanti potranno arrivare soltanto a piedi o mediante gli impianti di risalita esistenti.

Wwf per primo ha a cuore la conservazione degli habitat naturali più delicati” – hanno tenuto a chiarire dall’associazione, sottolineando che sia stato richiesto agli organizzatori del Jova Beach Party che in ciascuna tappa venissero rispettati tutti i criteri per la realizzazione del concerto senza compromissione degli equilibri delle eventuali aree naturali protette nelle vicinanze, richiedendo esplicite valutazioni di incidenza.

Anche il WWF insomma ritiene Plan de Corones già abbastanza antropizzato da poter tranquillamente diventare un palco. Nella nota ufficiale diramata si legge chiaramente che “il comprensorio, con circa 30 impianti di risalita che hanno una capacità di trasportare oltre 70mila persone ogni ora e i 119 chilometri di piste da sci, alcune delle quali funzionanti anche di sera, registra ogni inverno quasi mezzo milione di arrivi e oltre due milioni di pernottamenti (dati Astat 2014/2015), e il futuristico Museo della Montagna realizzato dallo stesso Messner richiama migliaia di turisti anche d’estate, contribuendo ai quasi tre milioni di pernottamenti estivi del comprensorio (dati Astat 2017)”.

Una location ben differente dai “vicini Parchi Naturali di Fanes-Sennes-Braies o delle Vedrette di Ries, luoghi naturali in cui le specie animali e vegetali tipiche delle Alpi possono prosperare protette, nonostante i ripetuti tentativi di aprire la caccia anche a specie protette come marmotta e stambecco oltre al tentativo di legalizzare gli abbattimenti di lupi e orsi, che il Wwf ha contrastato con forza e rigore“.

L’opinione di Reinhold Messner non sembrerebbe poter dunque portare a modifiche di rotta da parte di Jovanotti. Cosa certa è che le sue parole, che in queste ore stanno facendo il giro del web, porteranno ogni lettore a riflettere su quella che è oggi la montagna. Su quali siano i valori da preservare e su quanto sia diventato complesso trovare un equilibrio tra la salvaguardia dell’ambiente e la necessità di incentivare l’economia delle terre alte.

Articolo precedenteArticolo successivo

19 Comments

  1. Plan de Corones non è neanche più una montagna, è una struttura artificiale di business trapanata fino nelle viscere in profondità tra impianti di pompaggio, di innevamento e di risalita su ogni versante, ristoranti e via dicendo…e il Messner Mountain Museum che non è più naturale di tutte le altre costruzioni presenti anche se l’ha fatto Zaha Adid….Messner poteva anche starsene zitto stavolta.

  2. Il WWF dice che non ci sarà nessun impatto sull’ambiente?
    E l’ambiente cerebrale di chi ascolta Jovanotti dove lo mettiamo?
    “Ciao mamma guarda come mi divertoo….iiee iee, oohh ..è una libidinee, una rivoluzionee.. iiee iee, oohh”
    Ha ragione Messner, non è necessario importare in montagna il modello cittadino del divertimento, e diffondere anche in montagna il qualunquismo e l’alienazione delle città!
    Se si parla di valori della montagna, facciamo in modo di conservare e trasmettere ai giovani e meno giovani, il patrimonio di valori e tradizioni che le nostre montagne, dalle Alpi al Gennargentu, hanno accumulato da millenni grazie a chi le ha abitate e ne ha tratto insegnamento di vita.
    Se invece si parla di business, allora il fine giustifica i mezzi…vedi Jovanotti & co.

    1. E non solo a Plan de Corones, ma in tanti luoghi delle dolomiti trentine e altoatesine…

      La mercificazione della montagna…

  3. La montagna dovrebbe essere silenzio . Plan de Corones è già stato violentato abbastanza. Lo chiamano beach tour, che resti sulle spiagge.

  4. Ho fatto fatica a leggere questo articolo. Incredulo, ammutolito. Possibile che una delle più titolate associazioni ambientaliste – IL WWF – è a favore dell’evento? IMPOSSIBILE! Voglio ricordare che in Italia ci sono OTTANTA ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE RICONOSCIUTE DALLO STATO ITALIANO. Qualcuna di esse ha commentato? NESSUNA, TRANNE IL WWF A FAVORE! L’ECOCIDIO DEL PIANETA E’ SEMPRE PIU’ VICINO! Caro papa Francesco, speravi che con la tua ENCICLICA “LAUDATO SI” avresti coinvolto gli animi dei responsabili del pianeta alla difesa dell’ambiente! INVECE…? A proposito… c’è GRETA THUNBERG. Penso che organizzerà manifestazioni nelle piazze. Gli studenti certamente risponderanno, anche per il fatto che sono autorizzati a non andare a scuola. Chissà perché queste manifestazioni non si organizzano la domenica!

  5. E’ il cantante che vuol dare lustro e fama a Plan de Corones, o da Plan de Corones ne cerca di riflesso, per fare una “figata”?
    E’per te ogni cosa che c’e’…se ne resta…

    1. Albert, sei davvero gentile a considerarlo un cantante

      Per me i cantanti dovrebbero essere, almeno, intonati…

  6. Qualcuno dice: “Plan de Corones” è già’ antropizzato (intendendo “degradato”) e allora non è un problema che si organizzi un ennesimo evento “antropizzante” (leggi “lesivo per l’ambiente naturale”). Sarebbe come dire “in autostrada ci sono quelli che sorpassano a destra mettendo a rischio la vita altrui e non è un problema che ce ne siano ancor di più. Che si avverta la fauna selvatica ancora presente sul luogo: sta per arrivare in cima alla montagna chi ha bisogno di farsi notare a forza di watt.

  7. Violare una montagna per fare spazio a Jovanotti è un sacrilegio. Ci sono già i “Suoni delle Dolomiti”

  8. Il Sig. Messner ultimamente non perde occasione per dimostrare quanto sia meglio tacere in certe occasioni!

  9. A me sembra di leggere un mare di cazzate. La montagna è di tutti, di tutti quelli che la rispettano. Le canzoni hanno sempre fatto parte della montagna. Tutti a pontificare e fra i posti più zozzi al mondo ci sono una miriade di montagne scalate da questi presunti difensori della natura che poi lasciano un mare di schifo a 4-5 -6 mila metri. Togliamo corde e chiodi dalle pareti, deturpano la montagna. Se si pulisce in un prato si può anche cantare, qualsiasi esso sia.

  10. Dani mai sentito parlare di fauna e flora e del rispetto che gli è dovuto? La montagna non è un pavimento: “pulito” o “non pulito”. “Le canzoni hanno fatto sempre parte della montagna” dimostra la conoscenza e sensibilità ambientale che in questa occasione ha dimostrato il WWF.

  11. chiodi e corde non intaccano la flora? Lo schifo che lasciano in giro i presunti amanti della montagna non intacca flora e fauna? Oppure bisogna fare i distinguo? C’è chi può intaccare e chi no? Oppure chi intacca meglio e chi no? Se per due ore si canta e si balla su un prato che succede? L’erba si offende ? Dai la gente nella valle del kumbu rischia di bersi la merda degli scalatori e parliamo di salvaguardia di un prato a Plan De Corones per due ore di musica. La strada delle Dolomiti tra moena e Canazei a ferragosto dalle 9 in poi è peggio della A14 e parliamo del concerto di Jovanotti come del male delle nostre Alpi. Se lasceranno uno schifo o il prato diventa ghiaia lo denunciamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.