• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità, Rubriche

Marco Confortola e la magia dell’acqua sopraffusa

Marco Confortola, guida alpina, alpinista a caccia di 8000 e formatore. Un uomo delle montagne dalle mille qualità che sa fare anche le magie!

Oggi il simpatico Marco ci ha infatti voluti stupire con un video girato presso il Rifugio Casati al Cevedale, a 3300 metri.

L’alpinista di Santa Caterina Valfurva mostra ai suoi follower una bottiglietta di acqua naturale completamente liquida ma basta capovolgerla tre volte al grido di “sim sala bin” che ecco la magia: l’acqua diventa ghiaccio.

Non si tratta in realtà di un trucco scenico, ma di un fenomeno scientifico.

L’acqua pura contenuta nella bottiglietta ci appare liquida nonostante sia conservata a temperature ben al di sotto dello zero, considerando la quota del Rifugio e il fatto che ci troviamo nel mese di gennaio.

Lo stato in cui si trova in realtà non è definibile propriamente come liquido ma di “acqua sopraffusa”, una condizione di equilibrio instabile in cui la tensione superficiale tra le singole gocce e la mancanza di sali e impurità, impediscono alle molecole di acqua, tenuta in stato di quiete, di ordinarsi a formare un cristallo. Basta però una piccola vibrazione o l’introduzione di un corpo estraneo a smuovere tale equilibrio. Le molecole entrano in movimento, si riorganizzano e cristallizzano.

Si tratta di un fenomeno simile a quello che in ambiente naturale viene definito “gelicidio”, ovvero l’immediata trasformazione in ghiaccio dell’acqua che piove dal cielo in inverno, con temperature inferiori allo zero, a contatto con superfici quali suolo, alberi o cavi dell’elettricità.

Ringraziamo dunque Marco per questa interessante lezione scientifica, esperimento che tra l’altro potete sperimentare a casa mettendo una bottiglietta d’acqua naturale in congelatore, in piedi, per circa 2 ore o meno. L’importante è non farla ghiacciare, quindi restare attorno a 7-8° sotto lo zero. A questo punto prendete delicatamente la bottiglia senza agitarla e date un colpo secco su un tavolo o una superficie rigida. Se sarete fortunati, al primo colpo vi ritroverete tra le mani una bottiglia congelata. In caso contrario, date un secondo colpo!

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.