News

La torcia olimpica firmata dal Dalai Lama va all’asta

A poche ore dall’inizio dei XXIII giochi olimpici invernali torna all’asta la torcia olimpica del Dalai Lama. Nel 2006, anno dei giochi invernali di Torino, il Dalai Lama autografò la fiaccola olimpica e vi scrisse un messaggio di pace. La torcia fu poi venduta per beneficenza, e ora, più di dieci anni dopo, torna all’asta per finanziare un nuovo progetto di aiuto alla comunità tibetana.

L’asta, visibile a questo link, inizierà in concomitanza con l’apertura dei prossimi giochi invernali, il 9 febbraio, e si concluderà il 24 Febbraio.

La storia di questa torcia olimpica è davvero incredibile: nel marzo 2006 la torcia viene portata in India da una spedizione di tedofori d’eccezione. Raggiunta la città di Dharamsala la spedizione incontra il Dalai Lama, qui in esilio. Il maestro supremo del buddismo tibetano, oltre ad autografare la fiaccola, vi scrive una dedica dal significato molto importante: “Prego perché tutti gli esseri senzienti vivano in felicità”. La spedizione promette allora al Dalai Lama di portare la fiaccola in vetta al Makalu (8.450 m) per poi metterla all’asta e raccogliere i fondi utili a costruire una scuola per i bambini tibetani in esilio a Dharamsala. La fiaccola viene portata da Tom Perry, lo scalatore scalzo famoso in tutto il mondo per le sue salite e discese a piedi nudi, per 140 km fino al campo base del Makalu (c.a. 4.870 m). Qui la torcia viene consegnata a Mario Vielmo, che il 24 maggio raggiunge la cima della montagna ed espone la fiaccola al mondo. Con i fondi raccolti dalla vendita della fiaccola olimpica viene costruita la scuola promessa al Dalai Lama.

A più di 10 anni di distanza da quei giorni, in occasione della XXII edizione dei giochi olimpici invernali, che si terranno a PyeongChang, in Corea del Sud, la torcia è alla ricerca di un nuovo proprietario. Anche questa volta le parole scritte dal Dalai lama su questa fiaccola ispirano un gesto benefico: parte del ricavato di quest’asta sarà infatti devoluto all’ Associazione Sidare Onlus per portare aiuto e istruzione ai bambini disagiati e svantaggiati dell’India e ai bambini tibetani profughi dal Tibet o dal Nepal attraverso la realizzazione di progetti umanitari e sanitari in loco. La stima per questa torcia è tra i 50.000 e i 100.000 €. 

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close