Cronaca

Asiago, tragedia vicino alle piste di Gallio

immagine

CAMPOMULO DI GALLIO, Vicenza — Tragedia a Campomulo di Gallio, sull’Altopiano di Asiago. Un ex finanziere, malato da tempo di cancro, ha ucciso la moglie e il figlio 14enne e poi si è tolto la vita. I loro tre cadaveri sono stati ritrovati ieri mattina in una macchina parcheggiata vicino alle piste da sci di fondo.

Quando le forze dell’ordine hanno trovato la macchina, ieri mattina, con i tre corpi in una piazzola a 1400 metri, vicino a un rifugio e alle piste da sci di fondo di Gallio, l’ex finanziere aveva ancora la pistola stretta in pugno. Secondo quanto riferisce l’Ansa, l’uomo la sera prima aveva sparato a bruciapelo, mirando alle teste dei suoi familiari. Poi aveva rivolto la pistola semiautomatica di piccolo calibro contro se stesso e aveva sparato ultima volta.  

L’ex finanziere era originario di Benevento, in servizio a Vicenza ma in congedo per motivi di salute dallo scorso ottobre. Viveva con la moglie e il figlio a Gallio e da tre anni era malato di una grave forma di tumore.

Secondo quanto riferisce il Giornale di Vicenza, il ritrovamento dei cadaveri è stato ad opera del rifugista, che ieri mattina intorno alle 10.30 ha notato la macchina isolata e si è avvicinato. Una volta vista la macabra scena, ha poi immediatamente telefonato ai carabinieri di Asiago. L’amministrazione di Gallio ha proclamato il lutto cittadino fino al giorno dei funerali.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close