• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Natura, Primo Piano

In Trentino compare lo spray anti-orso. La Provincia: è inefficace, ecco come comportarsi con l’orso

Sugli scaffali di diversi negozi di caccia e pesca in Trentino è comparso un articolo decisamente inusuale: uno spray anti orso, acquistato soprattutto da chi va nei boschi dell’Adamello e del Brenta, dove la presenza del plantigrado è oramai familiare.

Al boom di vendite risponde però il servizio forestale della Provincia di Trento, che avverte dell’inefficacia del prodotto, che in realtà è un semplice preparato al peperoncino da difesa personale, contro altri esseri umani però, del tutto inutile in caso di incontro ravvicinato con un orso.

“Quegli spray hanno un getto massimo di 4 metri — spiega Luca Pedrotti, biologo e responsabile del servizio faunistico della Provincia di Trento, al Corriere della Sera – una distanza insufficiente se immaginate la scena di un animale chi vi si sta avventando addosso con il peso del suo corpo. Esistono dei prodotti che invece servono davvero a difendersi da aggressioni di grandi animali, hanno un getto irritante che supera i 10 metri, sono in vendita in Canada, in Slovenia ma non in Italia”. Infatti nel nostro paese gli spray anti orso sono illegali, il timore infatti è che possano essere usati come arma d’offesa e non difesa.

Il pericolo di essere attaccati da un orso è comunque molto basso. “Quando un orso avverte la presenza dell’uomo – sottolinea Pedrotti – nel 95% dei casi scappa; nella restante percentuale si parla più correttamente di finte aggressioni: l’animale accenna a una carica ma poi si ferma o scarta, un po’ come fa un cane che ci abbaia per tenerci alla larga dal suo territorio”.

In ogni caso, la Provincia di Trento ha messo a disposizione un’utile brochure per spiegare come comportarsi nei boschi con presenza di orsi. È possibile scaricarla QUI. E’ inoltre disponibile QUI il servizio informativo con le mappe che permettono di conoscere le aree del Trentino in cui viene segnalata la presenza di femmine di orso accompagnate da cuccioli dell’anno.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Anche un bastone può essere usato per “offesa” e non per difesa, anche un’arma ad aria compressa di libera vendita come anche gli ormai conosciuti spray al peperoncino per autodifesa.
    Noi che viviamo i boschi del Trentino, in particolare quelli della Val Rendena con Adamello e Brenta abbiamo rischio di capitare in quel 5% che assolutamente non è piacevole. Inutile dire che se si capitasse in una madre con i piccoli la percentuale si ribalta..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.