Alpinismo

Merelli: a 100 metri dalla vetta. Senza rimpianti

immagine

KATHMANDU, Nepal — "Pensavamo fosse una montagna più facile. Pensavamo che esistessero ancora alpinisti veri. E invece, non ce ne sono più. Si poteva rischiarla, e forse ce l’avremmo anche fatta. Ma siamo ancora di quella generazione che guarda al ritorno e non punta solo alla cima. Non ho mai rimpianto i 100 metri passati, e non rimpiangerò questi". Così Mario Merelli parla della spedizione della primavera 2009 al Manaslu. E racconta la dura salita verso la vetta, la difficile rinuncia a 8000 metri, e la complicata discesa per il malore di un compagno e il dolore per la perdita di un altro, Giuseppe Antonelli.

L’intervista è stata girata a Kathmandu, nei giardini dell’Annapurna Hotel, lo scorso 7 maggio. Merelli, con Marco Zaffaroni e Marco Rusconi, aveva concluso da pochi giorni il lungo trekking di rientro dal campo base e si accingeva a rientrare in Italia. Ha ancora il dolore dipinto in viso per l’amara conclusione, qualche giorno prima, della spedizione al Manaslu.

"E’ difficile che la gente capisca finchè non prova a rinunciare a 80-100 metri dalla cima – racconta Merelli -. Sulle Alpi non è la stessa cosa. L’ossigeno c’è, il freddo è meno, insomma 100 metri sono un breve salto. Invece a 8000 metri sono un’ora e mezza, da fare stanchi e in condizioni difficili. Non ho mai rimpianto i 100 metri passati e non penso rimpiangerò questi. Ci sono dei segnali che ti arrivano quando sei lassù. Sono anni che vado in Himalaya, e ormai sono convinto che chi muore qui, non per incidenti e cause naturali ovviamente, è perchè non è stato capace di recepire questi segnali".

Merelli parla poi del tentativo di fine aprile, del duro lavoro per attrezzare la fascia ghiacciata sopra il campo 3, del dietrofront a pochi metri dalla cima e della difficile discesa. In conclusione, si lascia andare ad un commosso ricordo di Giuseppe Antonelli, compagno di spedizione deceduto improvvisamente a campo 2 per una probabile trombosi. Merelli, Zaffaroni e Rusconi hanno appreso della sua morte durante la discesa e dopodichè hanno deciso di rientrare in Italia.

Tra qualche giorno, pubblicheremo anche la videointervista a Marco Zaffaroni, alpinista bergamasco da tempo compagno di cordata di Merelli, e a Marco Rusconi, noto skyrunner del lecchese, entrambi impegnati sul Manaslu con Merelli. Non perdete l’appuntamento!

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close