News

Lake District, a 6 anni scala 214 cime

immagine

LONDRA, Gran Bretagna — Un bimbo davvero da record. Si chiama Tom Fryers, è inglese e, all’età di soli sei anni, vanta la scalata di tutte le 214 montagne del Lake District, celebre zona escursionistica nel nordest della Gran Bretagna. La famiglia del piccolo, che appena nato ha rischiato di morire per problemi respiratori, donerà i soldi ricevuti dagli sponsor all’ospedale neonatale di Sheffield.

Il piccolo Tom è in assoluto il più giovane alpinista ad aver scalato tutte le cime del Lake District: un’impresa della quale esiste un registro ufficiale tenuto dalla Wainwright Society, la casa editrice della guida "A Pictorial Guide to the Lakeland Fells". La guida, in 7 volumi, descrive la salita delle 214 montagne fatta da Alfred Wainwright, il primo a completare la scalata di tutte le cime della zona.

Ma il concatenamento delle cime del Lake District non è l’unica impresa del giovane alpinista. Tom Fryers, appena nato, ha rischiato di morire per gravi problemi respiratori. E’ stato in terapia intensiva per oltre una settimana e, secondo i medici, aveva poche speranze di vita. Oggim invece, eccolo qui: un alpinista in erba, che adora fare sport.

"E’ un miracolo che sia sopravvissuto – racconta il padre – e, per i gravi problemi di cui soffriva, non ci aspettavamo che avrebbe mai goduto di ottima salute. Invece, ha più energia di quanta ne abbia io e adora ogni tipo di sport outdoor, soprattutto le escursioni in montagna".

Tom ha "scalato" la sua prima montagna a soli tre anni mezzo e l’ultima, il monte Wansfell, a 6 anni. In totale, ha percorso oltre 700 chilometri a piedi, su un dislivello di 45 mila metri, in un totale di 62 giorni di scalata. Ad accompagnarlo, in tutte le sue scalate, il padre Paul di 41 anni e, a volte, anche la madre e il fratello maggiore James.

"Adesso voglio scalare di nuovo tutte quelle montagne con mio fratello James – ha dichiarato il piccolo Tom l’indomani dell’impresa -. Adoro andare in montagna. La parte che mi piace di più è la discesa, ma anche stare in cima non è male".

Grazie a quest’impresa, il piccolo Tom e i suoi genitori hanno raccolto duemila sterline dagli sponsor, che verranno devolute al Jessop Wing Maternity Hospital di Sheffield, dove Tom è nato, per l’acquisto di nuove attrezzature e la cura dei bambini che nascono con difficoltà respiratorie.
 

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close