News

Orobie: rientrano gli sfollati di Ardesio

immagine

BERGAMO — Casa dolce casa. E’ quello che devono aver pensato le 20 persone che sabato sono rientrate nelle loro abitazioni di Ardesio e Valcanale dopo essere rimaste fuori casa, sfollate dal pericolo valanghe, per circa 10 giorni.
 

Migliora dunque la situazione nelle valli bergamasche dopo le slavine che hanno richiesto pesanti interventi della protezione civile e della Provincia per salvaguardare strade e persone.
 
Oltre al rientro degli sfollati di Ardesio e Valcanale, a Valbondione sono rientrate nelle loro case anche alcune famiglie di Fiumenero. Nel borgo dell’Alta Valseriana restano comunque ancora fuori dalle loro abitazioni una decina di persone che abitano nelle strette vicinanze della valanga caduta dalla Piodera.
 
Ignegneri e tecnici, intanto, hanno completato lo scavo di un canale a Fiumenero e ora stanno lavorando alla costruzione di un vallo antivalanghe, alto cinque metri e lungo settanta, che ha lo scopo di proteggere alcune case di Ludrigno da possibili pericolose slavine che potrebbero staccarsi dai pendii del Monte Secco (nella foto).
 
L’attenzione in questa zona ai pericoli potenziale resta comunque alta, anche in virtù dell’eccezionale accumulo di neve in alta quota.
 
WP 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close