News

Sequestrate piante di marijuana

immagine

SAINT MARCEL, Aosta — Lo hanno "beccato" mentre si metteva in tasca alcune foglie di cannabis. L’uomo, un 32enne di Saint Marcel, si stava aggirando in una piccola piantagione che lui stesso aveva realizzato tra le montagne di Aosta, quando è stato fermato dalla Guardia di Finanza. L’accusa, da parte degli agenti, è di produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti.

Domenica pomeriggio la Guardia di Finanza di Aosta ha arrestato un uomo di 32 anni, Joseph Joly, residente a Saint Marcel, mentre si stava occupando di una piccola piantagione di cannabis creata da lui sulle Alpi valdostane.
 
L’operazione antidroga è iniziata lunedì scorso, quando in un terreno della zona di Saint Marcel le Fiamme Gialle hanno trovato sei piantine di cannabis attentamente curate ed irrigate. Immediatamente sono iniziati gli appostamenti per identificare l’agricoltore alternativo. Joly non ha tardato molto ad arrivare e domenica scorsa è stato fermato su quel terreno, mentre si metteva in tasca alcune foglie staccate dalle sue piantine.
 
Scattate le manette ai polsi, la Guardia di Finanza ha, poi, perquisito l’abitazione dell’uomo, rinvenendo anche nove grammi di marijuana e una piccola bilancia.
 
Ora Joseph Joly è in stato di fermo nel carcere di Brissogne, dove dovrà attendere le disposizioni dei magistrati. Per ora pende su di lui l’accusa di produzione, traffico e detenzione di stupefacenti.
 
Tra gli indagati della Procura della Repubblica di Aosta c’è anche l’uomo che ha accompagnato il 32enne sul posto, che però, dalle prime informazioni, sembra essere risultato pulito.
 
 
Emanuela Brindisi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close