Ambiente

Monti Sibillini: liberati i primi camosci

immagine

MACERATA — E’ uno dei più importanti progetti di ripopolamento faunistico di tutta Europa. Ieri, nel Parco nazionale dei Monti Sibillini sono stati liberati i primi di una quindicina di camosci provenienti dal Parco nazionale d’Abruzzo, trasportati in quota con gli elicotteri dell’Esercito italiano. Gli animali viranno nel territorio del Comune di Ussita. In un area che, secondo gli studi, risulta ottimale per la ripopolazione.

Il rilascio è stato effettuato sotto lo sguardo attento di zoologi e veterinari. Le operazioni proseguiranno nei prossimi giorni. Alla fine, saranno reintrodotti in natura quindici esemplari. Il progetto, che rientra nel Piano d’azione nazionale per il camoscio del Ministero dell’Ambiente, è un passo decisivo per la creazione di una nuova colonia sui Sibillini.
 
Il camoscio appenninico è una sottospecie esclusiva dell’Appennino centrale. Si tratta dell’unico mammifero italiano inserito nella Lista Rossa dell’Iucn (l’Unione internazionale per la conservazione della natura). Questa specie è considerata a forte rischio di estinzione. L’unico piccolo nucleo originale ancora esistente è sopravvissuto nel Parco Nazionale d’Abruzzo.
 
Grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea, dal 1991 il camoscio appenninico è stato reintrodotto sul Gran Sasso e la Majella. Per anni la costituzione di un quarto nucleo sui Monti Sibillini è stato un sogno perseguito da molte associazioni ambientaliste tra cui Cai, Legambiente e WWF. Ora, piano piano, il sogno si realizza.
 
Per garantire la massima tranquillità agli animali, gli agenti del Corpo Forestale dello Stato metteranno in atto una stretta sorveglianza della zona. Questo per evitare che curiosi ed escursionisti turbino la delicatezza delle operazioni.
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close