• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Tragedia della Grignetta: spunta la foto della disgrazia

immagine

CALOLZIOCORTE, Lecco —  Nella giornata di oggi, proprio mentre venivano celebrati i funerali di Gianfranco Crimella – il 56enne di Calolziocorte precipitato lunedì lungo il canalone Porta della Grignetta – è comparsa una foto che ritrae l’alpinista pochi secondi prima della tragedia.
 

Lo scatto è del compagno di scalata, Marco Airoldi, 47enne di Ballabio (Lecco), che ha assistito impotente alla tragedia. La foto ritrae Crimella, affaticato, sulla cresta Sinigaglia. Ai suoi piedi una piccola cornice di neve fresca, il cumulo che pochi istanti dopo lo avrebbe tradito.

Airoldi ricorda quei momenti. "Stavo fotografando Gianfranco, ad un certo momento ha messo il piede sinistro fuori dalla traccia. Ha fatto una torsione e ha iniziato a cadere. All’inizio scivolava lentamente, ed è stato in quegli attimi che gli ho gridato di puntare la piccozza. Ma non ha reagito".

"Mentre stava scivolando giù – continua l’alpinista – ha incrociato uno dei cavi di sicurezza installati sul percorso. Gianfranco lo ha urtato e per un attimo ho sperato che vi rimanesse impigliato. Ma non è stato così, anzi, è scivolato ancora più velocemente. Ed è arrivato fino al passaggio attrezzato dei Magnaghi, a 350-400 metri dal punto dove era caduto".

A quel punto non si poteva far altro che allertare i soccorsi. Ma il telefonino era nello zaino di Crimella. E il compagno ha dovuto scendere fino ai Piani Resinelli, impioegandoci 40 minuti. Si può soltanto immaginare con quale stato d’animo.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.