Cronaca

G.Paradiso: morto l’alpinista sotto choc

immagine

Updated AOSTA — E’ morto la notte scorsa in ospedale l’alpinista trovato domenica pomeriggio ad oltre 4000 metri sul Gran Paradiso, in mezzo ad una bufera. L’uomo, un 52enne di Vercelli, era in avanzato stato di ipotermia ed era stato recuperato dal soccorso alpino valdostano con una difficile e pericolosa operazioone di salvataggio.

L’uomo era accovacciato tra le rocce sommitali della montagna, cercando di ripararsi dal gelo e dalla tormenta che spirava. I soccorritori, dopo averlo intravisto dall’alto, hanno dovuto raggiungerlo a piedi: la bufera e le ripide rocce del massiccio rendevano impossibile l’avvicinarsi dell’elicottero.
 
All’arrivo dei soccorsi, l’alpinista versava in condizioni critiche e in avanzato grado di assideramento. E’ stato portato con la barella sul Ghiacciaio di Moncorvé a quota 3.200, dove nel frattempo era atterrato l’elisoccorso che lo ha trasferito all’ospedale regionale di Aosta.
 
Quando è giunto all’ospedale, la sua temperatura corporea era di 23 gradi. I medici hanno fatto il possibile per salvargli la vita, ma nella notte è spirato.
 
Ignote, per ora, le dinamiche dei fatti che hanno portato l’uomo a trovarsi in pericolo di vita. Nei prossimi giorni saranno vagliate, dagli inquirenti, tutte le ipotesi del caso.
 
 
Emanuela Brindisi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close