Ambiente

Sul Monte Rosa un rifugio tutto ecologico

immagine generica

AOSTA, Valle d’Aosta — "Casa Capriata". E’ questo il nome del rifugio che tra breve verrà costruito ai piedi del Monte Rosa. La particolarità di questo edificio sarà l’utilizzo di materiali assolutamente innovativi, che lo renderanno all’avanguardia in tutta Europa nel campo della sostenibilità ambientale.

Il nuovo rifugio verrà realizzato a Gressoney-Saint-Jean, nella valle del Lys, a oltre 2.000 metri di quota. Le sofisticate tecniche di costruzione e i materiali utilizzati faranno si che l’edificio diventi una delle costruzioni piu’ eco-sostenibili d’Italia, con un livello di emissività pari a zero e con un particolare sistema di recupero delle acque reflue.

Il complesso sarà distribuito su tre piani. Al primo piano ospita il soggiorno-pranzo, la cucina, un servizio e un piccolo disimpegno per il deposito degli sci a fianco dell’ingresso. Al secondo piano due camere e un bagno aggregato in modo da formare un quadrato e infine il terzo piano, di minuscole dimensioni, e’ occupato da due camere e da una serie di armadi.

Il rifugio sarà sollevato dal suolo, utilizzerà un’ossatura costituita da tre capriate a catena portante. Le pareti laterali saranno costituite dalle falde stesse del tetto, interamente esteso a tutto il lato inclinato della capriata.

Elisabetta Moretti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close