News

Valanga a catena sulla Cima della Neve: un morto e un ferito. Altra vittima in Austria

BRUNICO, Bolzano — Altri due tragici incidenti a causa delle valanghe nelle scorse ore sulle Alpi. La prima vittima è un uomo di 57 anni di Brunico, deceduto sulla Cima della Neve, 2.925 metri, sopra Riva di Tures, mentre saliva con un gruppo di scialpinisti: incredibile la dinamica: un distacco dalla vetta ha innescato sette slavine sui pendii sottostanti, che hanno investito gli scialpinisti in salita. Uno scialpinista bergamasco è morto invece sul Madrisajoch in Austria.

Secondo le prime ricostruzioni, le valanghe hanno travolto 8 scialpinisti, di cui 6 sono stati subito liberati dai compagni. Due invece sarebbero stati trascinati per diverse centinaia di metri: uno è stato ritrovato e prontamente ricoverato all’ospedale di Bolzano, l’altro purtroppo è stato ritrovato morto dopo molte ore, sotto un metro e mezzo di neve.

Sul posto sono intervenuti gli elicotteri del 118, dell’Aiut Alpin e della Guardia di finanza che hanno trasportato a valle gli scialpinisti coinvolti nell’incidente.

Nel weekend un altro scialpinista italiano – un 48enne di Ponteranica, provincia di Bergamo – è rimasto vittima di una valanga. La tragedia è avvenuta sul Madrisajoch (2.612 m), cima austriaca sopra Gargellen nel Vorarlberg, dove l’uomo stava facendo un’escursione in solitaria.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close