• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità

(English) Tutti in coda con sci e scarponi. In attesa della neve che non c’è…

vignetta-sciatori-168x300.jpg

vignetta sciatoriBERGAMO — Sci, berrette, giacconi, e una coda senza fine di gente che attende. L’impianto di risalita? No, semplicemente la neve. Questo suggerisce la fantastica vignetta che vi proponiamo oggi, che ritrae in modo ironico e incredibilmente veritiero le speranze e le delusioni di tutti gli amanti della neve, che quest’anno vedono avvicinarsi il Natale e le vacanze con un clima decisamente fuori luogo che ormai persiste dall’inizio del 2014.

E pensare che due anni fa qualcuno diceva che nel 2014 sarebbe iniziata un’era glaciale. Era l’astrofisico russo Habibullo Abdussamatov, che nell’agosto 2013 aveva annunciato l’imminente arrivo, già entro il 2014, di inverni siberiani e gelo persistente anche alle nostre latitudini.La sua “mini era glaciale” avrebbe dovuto raggiungere il picco attorno al 2050 e durare fino al 2070 con un raffreddamento di circa 2°-3° in pochi anni.

Magari, c’è stato solo un piccolo ritardo. Ma per il momento nessuna era glaciale è in vista: secondo le previsioni, fino a Natale ci sarà alta pressione prevalente, con tempo stabile, a tratti nebbioso. Le temperature saranno sempre miti, specie sulle Alpi, con inversioni termiche in montagna.

Dobbiamo quindi abbandonare qualasiasi speranza? Secondo 3bmeteo.com, “proprio a Natale si intravedono primi segnali di cedimento dell’anticiclone, eventuale preludio ad una fase più instabile e fredda nei giorni a seguire”. Ma si tratta ancora di un’ipotesi e per ora l’unica certezza sono le temperature tristemente sopra le medie del periodo.

La vignetta ci è segnalata da un lettore, e purtroppo non siamo riusciti a risalire all’autore. Se qualcuno di voi lo conoscesse, preghiamo di segnalarcelo in modo che possa essere debitamente citato in questo articolo.

Riscaldamento climatico? Secondo qualcuno nel 2014 inizierà un'era glaciale

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.