• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Primo Piano

Svizzera, due donne ferite da mucche al pascolo

Escursionisti-in-un-pascolo-photo-fassanews.com_-300x225.jpg
Escursionisti in un pascolo (photo fassanews.com)
Escursionisti in un pascolo (photo fassanews.com)

DAVOS, Svizzera — Brutta avventura per due donne sulle montagne della Svizzera. Una donna è stata attaccata da una mucca vicino allo Strelapass, sulle Alpi del cantone svizzero dei Grigioni, e un’altra è stata gravemente ferita in una malga vicino al Maloja.

Il primo incidente è avvenuto alla fine della scorsa settimana a La Punt-Chamues-ch (in italiano e tedesco noto in passato anche come Ponte Campovasto). Pare che una donna di 45 anni, che stava accopagnando al pascolo alcune mucche con un contadino locale, sia stata messa a terra da una mucca che stava proteggendo il suo vitello, riportando ferite piuttosto serie alla schiena. E’ stata recuperata dall’elicottero e ricoverata in ospedale.

L’altro incidente è avvenuto domenica. Secondo quanto riferito dalla polizia cantonale, gli escursionisti stavano cercando di aggirare la mandria che hanno incontrato sul loro sentiero, ma alcune mucche avrebbero “attaccati”. Una donna sarebbe stata buttata a terra, riportando piccole ferite.

Non sono i primi incidenti dell’estate che vedono responsabili le mandrie di bovini. A luglio in Austria una donna è addirittura morta, attaccata da una ventina di mucche che probabilmente erano state spaventate dal cane della donna. Altri escursionisti erano rimasti feriti. Il comportamento suggerito dagli esperti è di mantenere le distanze, non toccare i vitelli, tenere i cani al guinzaglio. Secondo quanto riportato dal sito tio.ch, la Rega consiglia fra l’altro di non abbandonare i sentieri battuti, di non voltare le spalle agli animali, di non fissarli in continuazione, di non gesticolare con un bastone.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.