• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Green

WolfAlps: da Bruxelles 4 milioni di euro per la convivenza uomo-lupo sulle Alpi

Lupo appenninico (Photo Jairo S. Feris Delgado courtesy of Wikimedia Commons)
Lupo appenninico (Photo Jairo S. Feris Delgado courtesy of Wikimedia Commons)

CUNEO — Favorire la convivenza stabile tra lupo e attività economiche sulle Alpi. E’ questo l’obiettivo del progetto europeo WolfAlps, partito l’anno scorso e finanziato da Bruxelles per oltre 4 milioni ( a cui se ne aggiungono altri 2 provenienti dai partner). Per raggiungere lo scopo, si passerà prima di tutto attraverso azioni di conservazione della popolazione alpina del mammifero nell’ecosistema alpino, da ovest a est.

“Ovviare alla mancanza di una forma di gestione coordinata su scala alpina rappresenta un punto cruciale del progetto. Pertanto, l’attuazione dell’organizzazione globale del progetto WolfAlps, costruito su un programma condiviso e coordinato, implementato dalle diverse amministrazioni italiane e slovene e supportato da altri Paesi alpini, è il primo obiettivo per sostenere la conservazione del lupo sulle Alpi”, spiegano i responsabili del progetto, che coinvolge 12 partner coordinati dal Parco naturale delle Alpi Marittime, e si concluderà a maggio 2018.

Nello specifico, Wolfalps punta a controllare azioni di bracconaggio, in particolare quelle legate all’uso dei veleni, anche attraverso la messa in atto di nuove strategie coordinate e ad adottare misure di prevenzione nelle aree di recente colonizzazione, per diminuire i casi di bracconaggio e gli attacchi da lupo sul bestiame domestico. Inoltre, saranno realizzati piani di gestione locali per conciliare le attività umane con la protezione della specie, proteggendo i siti riproduttivi dalla perdita di habitat. L’implementazione del piano prevede anche lo sviluppo dell’ecoturismo legato alla presenza del lupo. Saranno anche controllati i casi di ibridazione lupo-cane.

A queste azioni si aggiungono quelle di formazione e sensibilizzazione, con l’organizzazione di campagne di informazione per il pubblico generico, per i locali, i cacciatori e gli allevatori sulle modalità di coesistenza fra lupo ed attività umane, insieme ad attività didattiche, conferenze, una mostra itinerante dedicata al lupo e del sito web di progetto, on mine da qualche settimana.

Guarda il sito web del progetto

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Complimenti anche con il lupo si riescono a fare grandi affari! Però i sentieri restano mal segnalati e le strade piene di buche. Saranno contenti quando in montagna ci saranno più lupi e meno uomini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.