• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Top News

Incidenti in Valchiavenna, in Val Passiria e sul Jof Fuart: 3 morti

Dietro-al-rifugio-Bertacchi-Valchiavena-Photo-darchivio-223x300.jpg
Dietro al rifugio Bertacchi - Valchiavena (Photo d'archivio)
Dietro al rifugio Bertacchi – Valchiavena (Photo d’archivio)

MADESIMO, Sondrio — Tre persone hanno perso la vita lo scorso weekend in tre diversi incidenti, verificatisi sull’Arco alpino. Il primo è successo sabato vicino al Lago d’Emet e al rifugio Bertacchi, in Valchiavenna, dove è morto un escursionista di Milano. Gli altri due risalgono a ieri: un alpinista è precipitato mentre saliva un canale nel gruppo del Jof Fuart, nelle Alpi Giulie, mentre un’altra persona è annegata cadendo in una cascata in Val Passiria.

L’incidente in Valchiavenna è accaduto sabato nel primo pomeriggio. Secondo quanto riferisce il Soccorso alpino lombardo la vittima, un 45enne di Milano, stava camminando nelle vicinanze del Lago d’Emet, a circa 2000 metri di quota, nei pressi del rifugio Bertacchi. Pare che fosse in compagnia di un amico quando è scivolato sulla neve, finendo in un canale ripido che terminava con una cengia.

La morte sarebbe stata provocata dai traumi riportati nella caduta. L’allarme è stato dato intorno alle 14 da un altro gruppo di escursionisti che si trovava sul posto al momento: il recupero è stato effettuato dall’elicottero del 118 di Sondrio con l’aiuto dei tecnici della Stazione di Madesimo e della Guardia di Finanza.

Un alpinista è morto ieri sulle Cime Castrein, 2502 metri nel gruppo dello Jof Fuart. “Era con 4 amici – ci ha spiegato Cristiano Martucci, gestore del Rifugio Guido Corsi -, non sono passati dal rifugio. L’incidente è avvenuto poco sotto la cima in un canale fuori sentiero, un canale all’ombra. Anche se faceva molto caldo, la neve era perfetta per salirla con ramponi e piccozza, la pendenza non era estrema”.

Rifugio Guido Corsi (Photo JakobZ - Wikipedia)
Rifugio Guido Corsi (Photo JakobZ – Wikipedia)

La vittima sarebbe morta nella caduta. Sul posto sarebbero intervenuti gli uomini del Soccorso alpino e quelli della Guardia di finanza di Sella Nevea che hanno constatato il decesso e recuperato il corpo. Nei canali c’è ancora molta neve, ci ha spiegato Martucci, che ha voluto lanciare anche un appello.

“Consiglio sempre a tutti di fare una telefonata ai rifugisti che sono i primi a conoscere le condizioni della montagna e possono dare utili consigli – ha detto il gestore del Rifugio Guido Corsi  -. Non è necessario consumare al rifugio per avere informazioni. I gestori sono a disposizione, noi non guardiamo la consumazione, ma visto che abbiamo scelto questo stile di vita vogliamo il bene degli escursionisti: io per esempio forse sono l’unico a dare gratuitamente i caschetti a quelli che vogliono fare un’escursione allo Jof Fuart, perché se uno stambecco passa più in alto sopra al sentiero in cui si trovano loro, è pericoloso,  arriva in testa una scarica di sassi. Basta essere prudenti”.

Le ricerche dell'uomo annegato in Val Passiria (Foto VVFF BZ - www.altoadige.gelocal.it)
Le ricerche dell’uomo annegato in Val Passiria (Foto VVFF BZ – www.altoadige.gelocal.it)

Un altro incidente mortale si è verificato in Val Passiria, in una cascata nelle vicinanze dei boschi di Valclava, frazione di San Martino. La vittima è un 40enne di Merano che si trovava in montagna con un amico: l’uomo sarebbe precipitato per una trentina di metri per essersi sporto troppo dal salto di roccia. L’allarme sarebbe stato dato dal compagno intorno alle 13: secondo quanto riferito dal giornale l’Alto Adige, dopo due ore di ricerche il soccorso alpino ha ritrovato il corpo, annegato nel torrente colmo di acqua.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.