News

Vulcano erutta e investe bivacco

immagine

AUCKLAND, Nuova Zelanda — Era notte fonda, quando il vulcano Ruapehu si è risvegliato ed ha eruttato con violenza. La cenere, le rocce e il fango del lago craterico investito il bivacco Dome, dentro cui dormivano due ragazzi poco più che ventenni. Sono salvi per miracolo, ma ad uno dei due è stata amputata una gamba.

Il tragico incidente è avvenuto nella notte di martedì scorso, quando il Ruapehu ha eruttato senza preavviso. I due ragazzi che stavano trascorrendo la notte nel bivacco, posto a soli 700 metri dal cratere principale, si sono trovati sotto una pioggia di massi, cenere e fango senza poter reagire in alcun modo.
 
Quando l’eruzione è finita, il bivacco era distrutto. Uno dei due ragazzi, William Pike, era intrappolato con la gamba sotto un enorme masso.
 
Il suo compagno, James Christie, ha tentato invano di liberarlo. E così si è precipitato a valle, correndo tra la neve e la cenere sulle piste da sci, verso il paese di Whakapapa. Si è imbattuto in un gatto da neve, e lo ha bloccato chiedendo aiuto.
 
Subito si è formata una squadra di cinque soccorritori che, mentre l’ambulanza arrivava dal più vicino ospedale, sono risaliti al bivacco Dome per liberare il ferito e portarlo a valle.
 
Pike aveva gravissime ferite alla gamba ed era ormai in grave stato di ipotermia: la temperatura corporea era scesa sotto i 25 gradi. I medici del pronto soccorso lo hanno giudicato ad un passo dall’arresto cardiaco e sono corsi il più velocemente possibile verso l’ospedale locale.
 
Con l’ elicottero, il ragazzo è stato trasferito d’urgenza al Taumarunui Hospital e quindi al reparto terapia intensiva Waikato Hospital.
 
Purtroppo, le condizioni della gamba erano irrecuperabili e la mattina dopo i medici hanno proceduto all’amputazione sotto il ginocchio.
 
Nei giorni successivi Pike è stato operato più volte, sempre alle gambe. Solo ora, a distanza di giorni, le sue condizioni sembrano stabilizzarsi.
 
Il Mount Ruapehu (2.797 metri) è uno dei vulcani più attivi del mondo e il più grande della Nuova zelanda.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close