News

Sfuma il primo resort in Himalaya

MINALI, India — Questo resort non s’ha da fare: lo ha stabilito la popolazione di Minali, nell’Himalaya indiano. Il progetto, sostenuto da una cordata di imprenditori americani con a capo Alfred Ford, prevedeva la costruzione di un lussuoso albergo e della prima stazione sciistica della regione. E investimenti per 270 milioni di euro che rischiano di andare in fumo.

Il progetto prevedeva un lussoso albergo a 5 stelle a cui affiancare una stazione sciistica con tanto di funivie in grado di portare gli sciatori dai 2500 metri del resort fino ad oltre 4000 metri. Un’altezza pressochè irraggiungibile per gli sciatori che frequentano le più celebri località alpine o del nord America.

A mettere il bastone fra le ruote agli americani ci ha pensato però la comunità locale. Quantomeno singolare la giustificazione addotta. Il progetto, sostengono gli indiani, sarebbe contrastato dalle divinità locali. Un consesso di 175 divinità avrebbe infatti detto no alla costruzione dell’impianto.

Sarà. Gli investitori tuttavia non si sono lasciati scoraggiare. Evidentemente sperano che ponendo le giuste domande alle divinità possano ottenere il loro assenso. Magari facendo anche un’offerta vantaggiosa alla popolazione del luogo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close