Ricerca

Livelli di ozono, grandi differenze tra Artico e Antartico

Ross Schelfeis Antartico (Photo Ben-Zin Wikipedia)
Ross Schelfeis Antartico (Photo Ben-Zin Wikipedia)

CAMBRIDGE, Stati Uniti d’America — I livelli di ozono sopra la zona artica non hanno raggiunto i livelli estremi di quella antartica. Ad affermarlo è un recente studio effettuato dal Massachusetts Institute of Technology (Mit) con l’utilizzo di palloni aerostatici e satelliti. L’ozonosfera è uno strato dell’atmosfera che si concentra tra i 15 e i 30 chilometri di distanza dal suolo. L’ozono di cui è composta prevalentemente trattiene e assorbe gran parte dell’energia proveniente dal Sole, in particolare le radiazioni UV. Negli anni ottanta è stato rilevato un assottigliamento di questo strato sopra l’Antartide tanto da essere soprannominato Buco dell’Ozono.

Dopo numerosi studi negli anni successivi si è iniziato a temere che anche sopra le regioni artiche si potesse formare un “buco”. La preoccupazione si è fatta più urgente nel 2011 a seguito di una stagione particolarmente fredda. Infatti più basse sono le temperature, più aumentano le condizioni favorevoli alla diminuzione dell’ozono. “É sicuramente presente una diminuzione dell’ozono sopra l’Artico, ma i livelli estremi riscontrati finora nell’Antartide sono molto differenti da quelli che abbiamo trovato nelle regioni artiche, persino negli anni più freddi” ha dichiarato Susan Solomon, professoressa del Mit e autrice principale dello studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas).

Utilizzando palloni aerostatici e ricavando i dati dai satelliti, il team di scienziati del Mit ha scoperto che la diminuzione dei livelli di ozono attorno alla quota di 20 chilometri è maggiore in Antartide durante tutti gli anni presi in esame. Per uno studio più completo, i ricercatori hanno focalizzato la ricerca sia sulla media dei livelli di ozono sia sui livelli più estremi di diminuzione. In Antartide il minimo riscontrato è stato di 0,1 (o inferiore) di parti per milione in volume tra i 18 e i 20 chilometri, mentre alla stessa altitudine nell’Artico era di 0,5. Anche volendo salire di altitudine fino ai 24 chilometri, i livelli di ozono sopra le regioni artiche non sono mai scese al di sotto delle 2 parti per milione in volume, nemmeno nel 2011.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close