News

Caduta fatale nel Cadore: un morto e un ferito grave

Soccorso Alpino durante intervento in notturna (Photo courtesy of Sasl)
Soccorso Alpino durante intervento in notturna (Photo courtesy of Sasl)

SANTO STEFANO DI CADORE, Belluno — Grave incidente sabato sulle montagne del Cadore: un’alpinista è morta e il suo compagno è rimasto gravemente ferito. Dalle prime ricostruzioni, pare che la donna sia scivolata sul sentiero ghiacciato e l’uomo, nel tentativo di raggiungerla e aiutarla, è caduto a sua volta.

Secondo il comunicato stampa ufficiale emesso dal Cnsas Veneto, due alpinisti di Santo Stefano di Cadore, in provincia di Belluno, sono saliti sabato verso le cascate di ghiaccio del Monte Col, cima di 2079 metri che domina la cittadina. Nel pomeriggio, giunti in località Ciudera, la donna, che procedeva per prima, è scivolata sul sentiero ghiacciato, precipitando per un centinaio di metri.

Il compagno che era con lei ha tentato di raggiungerla per prestarle aiuto, ma è scivolato a sua volta per alcune decine di metri, rimanendo ferito. L’uomo ha quindi chiesto aiuto telefonicamente. Una ventina di soccorritori delle Stazioni di Val Comelico, Sappada e Auronzo con un’infermiera, 3 finanzieri e 2 forestali sono subito partiti per raggiungere il luogo dell’incidente.

A causa del luogo particolarmente impervio, delle condizioni del terreno e dell’arrivo del buio, l’intervento di recupero dell’uomo è durato oltre 5 ore. Il ferito è stato stato imbarellato e riportato sulla strada con una serie di calate. Qui è stato affidato all’ambulanza diretta all’ospedale di Belluno. Per la donna invece non c’era più niente da fare. La salma è stata recuperata domenica mattina dall’elicottero del Suem di Pieve di Cadore.SANTO STEFANO DI CADORE, Belluno — Grave incidente sabato sulle montagne del Cadore: un’alpinista è morta e il suo compagno è rimasto gravemente ferito. Dalle prime ricostruzioni, pare che la donna sia scivolata sul sentiero ghiacciato e l’uomo, nel tentativo di raggiungerla e aiutarla, è caduto a sua volta.

Secondo il comunicato stampa ufficiale emesso dal Cnsas Veneto, due alpinisti di Santo Stefano di Cadore, in provincia di Belluno, sono saliti sabato verso le cascate di ghiaccio del Monte Col, cima di 2079 metri che domina la cittadina.

Nel pomeriggio, giunti in località Ciudera, la donna, che procedeva per prima, è scivolata sul sentiero ghiacciato, precipitando per un centinaio di metri. Il compagno che era con lei ha tentato di raggiungerla per prestarle aiuto, ma è scivolato a sua volta per alcune decine di metri. L’uomo ha quindi chiesto aiuto telefonicamente.

Una ventina di soccorritori delle Stazioni di Val Comelico, Sappada e Auronzo con un’infermiera, 3 finanzieri e 2 forestali sono subito partiti per raggiungere il luogo dell’incidente. A causa del posto particolarmente impervio, delle condizioni del terreno e dell’arrivo del buio, l’intervento di recupero dell’uomo è durato oltre 5 ore.

Il ferito è stato stato imbarellato e riportato sulla strada con una serie di calate. Qui è stato affidato all’ambulanza diretta all’ospedale di Belluno con sospetti politraumi. Per la donna invece non c’era più niente da fare. La salma è stata recuperata domenica mattina dall’elicottero del Suem di Pieve di Cadore.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close