• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

High Summit: si alza il sipario tra alpinismo, scienza e montagna con i Ragni di Lecco

Vinicio Stefanello con Matteo della Bordella e Luca Schiera
Vinicio Stefanello con Matteo della Bordella e Luca Schiera

LECCO — I riflettori sono finalmente puntati sulla montagna. Si è aperta questa sera con una sala gremita e un pubblico entusiasta la manifestazione High Summit 2013, inaugurata dalla serata “Un ponte infinito” dei Ragni di Lecco presso l’Auditorium della Camera di Commercio della città. Lo spettacolo, tra filmati mozzafiato, dipinti dal vivo di Simone Pedeferri e arrampicata per tutti i gusti, ha mosso ad applausi le 400 persone che a fine serata, in anteprima, hanno assistito al grande annuncio di una spedizione in Patagonia, programmata per gennaio 2014 in occasione del 40° anniversario della prima salita al Cerro Torre, fatto del presidente del Gruppo Fabio Palma.

“Siamo a Lecco perchè qui c’è la storia dell’alpinismo, Lecco è intrisa di montagna- ha detto Agostino Da Polenza, presidente del Comitato EvK2Cnr -. Siamo in una sala gremita di maglioni rossi, che tutti i lecchesi indossano nel cuore. Molti di loro hanno lavorato con EvK2Cnr, sulle montagne del mondo, per aiutare la scienza a comprendere il nostro futuro. Siamo qui per riprendere la voce della montagna, una voce forte che a volte dimentichiamo. Lecco è il posto da cui deve ripartire questa voce, la voce di chi la montagna la ama e di chi invece la studia”.

“Sono molto felice che questo evento si svolga qui a Lecco nell’anno in cui è stata eletta città alpina – ha detto il padrone di casa, Vico Valassi, presidente della Camera di Commercio -. L’inaugurazione che ospitiamo nella nostra sede non poteva che avere protagonisti i Ragni, che rappresentano questa città, la sua storia, la sua economia e i suoi valori”.

“Iniziamo una tre giorni importantissima per il nostro territorio – ha detto il Sindaco Virginio Brivio, in prima fila alla serata -. Ci saranno momenti scientifici e di spettacolo, ma l’importante è che tutti capiamo che quelle risorse di cui si parla, le risorse della montagna, c’entrano con la vita di tutti”.

E’ con queste parole che High Summit Lecco 2013 ha preso il via. Seguite da uno spettacolo empozionante condotto sapientemente dal noto giornalista Vinicio Stefanello, che con sapienza e ironia ha guidato ospiti e pubblico tra le più spettacolari vette del mondo.

Pura arte all’inizio della serata, con Simone Pedeferri che dipinge dal vivo, accompagnato dal pianista Simone Morandotti e il chitarrista Mike Guzzo, con alcuni dei più noti esponenti del gruppo a leggere citazioni di Romano Perego, Casimiro Ferrari o Carlo Mauri.

Poi via alla rassegna cinematografica, iniziata dall’Ama Dablam 1995 per finire con le recenti conquiste sull’Uli Biaho, l’inedito film “Infinite Jest” e i filmati di arrampicata nel Salento. Ad intervallare i video, grandi ospiti che hanno raccolto scrosci di applausi come la giovane ma fortissima cordata di Luca Schiera e Matteo Della Bordella, che hanno presentato le scalate all’Uli Biaho in Karakorum e alla Torre Egger in Patagonia raccontandole con parole che al pubblico sono sembrate “fin troppo semplici”. Grandi applausi anche per quello che i Ragni hanno definito ospite d’onore della serata: Stefano Carnati, da poco nominato Campione del Mondo Under 16 di arrampicata sportiva, con i giovani “ragnetti” che hanno segnato un anno storico per la scuola di arrampicata dei Ragni di Lecco.

E alla fine della serata, il grande annuncio. La spedizione dei Ragni per il 40° del Cerro Torre. Un obiettivo che dire ambizioso, è dire poco. Quale? Se volete scoprirlo in anteprima, visitate la pagina facebook di High Summit 2013. Altrimenti, seguite domani Montagna.tv!

 

Altre foto su: https://www.facebook.com/highsummitlecco

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.