• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Ricerca

Norvegia, ghiacciaio in ritiro fa emergere un maglione dell’età del ferro

Tunica di Lendbreen (Photo www.bbc.co.uk)
Tunica di Lendbreen (Photo www.bbc.co.uk)

OSLO, Norvegia – Se chiedete ad un archeologo cosa ne pensa del riscaldamento globale, probabilmente vi risponderà che, in fondo, per la sua professione non è poi così negativo. L’aumento delle temperature infatti sta fondendo enormi porzioni di ghiaccio su tutto il globo, rivelando anche ciò che avevano coperto e custodito per migliaia di anni: l’arretramento del ghiacciaio di Lendbreen, in Norvegia, ha per esempio fatto emergere nei mesi scorsi una una tunica integra e ben conservata, intessuta con lana ovina.

Il ritrovamento è avvenuto a circa duemila metri di quota due anni fa. La tunica portata alla luce è stata sottoposta alla datazione al Carbonio-14, e i risultati – sbalorditivi – sono stati pubblicati ora sulla rivista Antiquity: 1700 anni di età per un maglione che risale niente meno che all’Età del Ferro.

Il team di ricercatori norvegesi sostiene che il proprietario dovesse essere un cacciatore, e, a giudicare dalle dimensioni, che fosse alto all’incirca 1.70m. Grazie a questo ritrovamento si possono ora avanzare nuove ipotesi sulle conoscenze tecniche e sugli interscambi che queste tribù nomadi hanno avuto con le popolazioni del resto d’Europa, per esempio analizzando la tecnica di tessitura utilizzata per la tunica. Anche altri reperti sono stati consegnati agli esperti dallo scioglimento dei ghiacciai norvegesi, come archi e frecce neolitiche di ben 6000 anni d’età.

Una dei ritrovamenti più sensazionali causati dall’arretramento dei ghiacci è stata la famosa mummia del Similaun, Oetzi, emersa sui ghiacciai altoatesini nel 1991. Un corpo perfettamente conservato che risale al 3300 AC, rinvenuto accidentalmente da due coniugi tedeschi durante un’escursione. l’analisi della struttura genetica della mummia ha permesso di definire con certezza che il suo ceppo genetico si è ormai estinto.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.