• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Vercors francese: un morto e un ferito nella falesia di Presles

La falesia di Presles (Photo courtesy of commons.wikimedia.org)
La falesia di Presles (Photo courtesy of commons.wikimedia.org)

PRESLES, Francia — Due rocciatori sono rimasti coinvolti in un grave incidente ieri pomeriggio sulla falesia frencese di Presles, nel parco del Vercors, Dipartimento dell’Isère. Il primo di cordata è caduto morendo a causa dell’impatto con la roccia. Il compagno, trascinato nella caduta, è rimasto gravemente ferito ed è tuttora ricoverato in ospedale.

Secondo la stampa francese, i due rocciatori stavano salendo ieri pomeriggio lungo una delle numerose vie della falesia di Presles, noto sito di arrampicata della zona occidentale del Massiccio del Vercors, nelle Prealpi del dipartimento dell’Isère. Secondo le prime ricostruzioni, il primo di cordata avrebbe perso l’appiglio in uno dei tiri finali e nella caduta avrebbe strappato via una sosta necessaria all’assicurazione, facendo così precipitare anche il compagno.

I due sarebbero precipitati per quasi 40 metri, rimanendo appesi nel vuoto a metà parete. Altri rocciatori che hanno assistito all’incidente hanno immediatamente dato l’allarme. La Compagnie républicaine de sécurité (Crs) è intervenuta sul posto per soccorrere i due climber. Il primo di cordata purtroppo era già morto a causa del forte impatto durante la caduta, mentre il compagno era ancora vivo, ma gravemente ferito.

La corda di quest’ultimo si è infatti arrotolata su una sporgenza che gli ha impedito di cadere ulteriormente e gli ha probabilmente salvato la vita. I soccorritori lo hanno affidato all’elicottero che lo ha trasportato al centro ospedaliero universitario dei Grenoble-La Tronche.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.