News

Recuperato uno dei 3 alpinisti bloccati sul Bianco, mistero sulle sorti dell’italiano

Pilone centrale del Freney (Photo Corvus - www.summitpost.org)
Pilone centrale del Freney (Photo Corvus – www.summitpost.org)

UPDATED — COURMAYEUR, Aosta — Continuano le operazioni di ricerca sul Monte Bianco. Ieri sera intorno alle 19 i soccorritori sono riusciti a trarre in salvo il francese che si trovava sulla via normale delle Grandes Jorasses. Non si hanno invece notizie al momento sull’italiano che era con lui: secondo le ultime informazioni l’uomo, un 58enne di Falcade, potrebbe essere sceso a valle senza segnalare a nessuno il suo rientro. La sua auto infatti, non sarebbe più al parcheggio dove l’aveva lasciata, ma l’alpinista non risulterebbe tornato a casa.

A rendere fin dall’inizio complicate le operazioni sono stati il forte vento e il cielo nuvoloso, che ieri hanno impedito agli uomini del Soccorso alpino di volare in quota. L’elicottero ha potuto infine effettuare uno dei recuperi intorno alle 7 di sera: il francese tratto in salvo, secondo quanto riferito dalla stampa locale un uomo di circa 55 anni, sarebbe in discrete condizioni fisiche. L’uomo aveva trascorso due notti sulla via italiana alle Grandes Jorasses che stava scalando insieme a un compagno italiano.

Di quest’ultimo, un 58enne di Falcade, nelle Dolomiti venete, non si avrebbero ancora notizie. Secondo quanto riferito dall’Ansa, la sua auto sarebbe stata rimossa dal posteggio, e quindi è possibile che l’uomo sia sceso a valle senza poi avvisare i soccorritori. Tuttavia non risulterebbe neanche tornato a casa.

Il terzo alpinista per cui è scattato l’allarme giovedì scorso, un 30enne di nazionalità slovacca, potrebbe essersi spostato nel frattempo sul lato francese del Monte Bianco e pertanto sarebbe stato allertato anche il Peloton de gendarmerie d’haute montagne di Chamonix.  Secondo l’Ansa infatti, il giovane avrebbe lasciato l’auto parcheggiata a Chamonix, probabilmente in vista della traversata. L’uomo si troveva giovedì a 3800 metri di quota sotto il Pilone centrale del Freney: da allora gli uomini del Soccorso alpino valdostano non sono più riusciti a contattarlo telefonicamente, probabilmente perché si era scaricata la batteria del cellulare.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close