• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Ritrovate morte due femmine di lupo nel Parco nazionale d’Abruzzo

Lupo appenninico (Photo courtesy of www.parcoabruzzo.it)
Lupo appenninico (Photo courtesy of www.parcoabruzzo.it)

PESCASSEROLI, L’Aquila — Due femmine di lupo appenninico sono state ritrovate morte nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise la scorsa settimana. Un esemplare di circa 2-3 anni è stato trovato lungo una strada nel versante abruzzese, probabilmente investita da una auto. La seconda, una madre di 4 anni d’età, è stata presa a fucilate dai bracconieri sul versante laziale dell’area protetta e ora si teme per il destino dei piccoli.

É stato lo stesso ufficio stampa del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise a dare la notizia tramite un comunicato stampa lo scorso weekend. La carcassa di una lupa è stata trovata dalle Guardie del Parco lungo la strada provinciale Marsicana Pescasseroli e Opi. Si tratta di un’esemplare di 2-3 anni morto per un forte trauma. L’ipotesi più probabile è che sia stata investita da un’auto che percorreva la strada a forte velocità.

La seconda lupa è stata ritrovata sempre dalle Guardie del Parco, ma sul versante laziale, nei boschi della Val Canneto.

Sulle cause della morte di questo esemplare di 4 anni non ci sono dubbi: due fori di proiettili sono stati individuati sul torace destro, segno del passaggio dei bracconieri. Gli accertamenti dell’Istituto Zooprofilattico hanno inoltre evidenziato che la femmina era in lattazione.

I cuccioli che stava allattando, almeno 5, sono ora a rischio di morte poichè secondo le analisi alla carcassa della madre non sarebbero ancora in età da svezzamento. Il bilancio salirebbe così a 7 lupi morti nelle scorse settimane per un totale di 10 dall’inizio dell’anno.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. complimentoni agli autori del misfatto, a chi , probabilmente ,dispiega poche forze addette ai controlli per privileggiare poi chissa’ quali altri servizi, complimenti ad una civilta’ quasi inestistente al centro .-sud,ahime’ non solo da questo punto di vista, e complimenti a chi non sente non vede e non parla…………dimenticavo, sono abruzzese.

    1. Cara Viviana, non farti problemi con il Centro-Sud: simili atti ignobili e assolutamente spregevoli sono purtroppo diffusi ovunque. Ci sono pero’ azioni ancora piu’ irresponsabili: reimtrodurre artificialmente animali in ambianti che allo stesso tempo vengono consapevolmente resei ancora meno adatti per loro, e poi chiedere l’autorizazione a trasferirli altrove. Dove? Speriamo nella loro buona sorte, Viviana! AT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.