News

Mt. Hood, alpinisti salvi grazie al cane

immagine

PORTLAND, Usa — Devono la vita al loro cane, che li ha scaldati durante la gelida notte in un canyon. Un uomo e due donne, caduti domenica da una cengia sul Mt. Hood, la cima più alta dell’Oregon, sono stati tratti in salvo ieri dai soccorritori, che hanno condotto le operazioni nel mezzo di una bufera di neve. 

Sono stati trovati nel White River Canyon, a circa 2,600 metri di quota. I tre erano infreddoliti, bagnati, e una delle ragazze aveva una ferita alla testa. Ma, tutto sommato, erano in buone condizioni, tant’è che dopo essere stati recuperati sono scesi dalla montagna per la maggior parte con le proprie gambe, insieme alle squadre di soccorso.
 
Solo due dei nomi sono stati resi noti: Matty Bryant e Kate Hanlon. Pare che tutti e tre fossero degli esperti rocciatori, ma che non avessero grossa esperienza in alta quota. Con loro c’era Velvet, un Labrador nero, che probabilmente gli ha salvato la vita (nella foto a lato).
 
"Il cane ha probabilmente salvato le loro vite – ha dichiarato Erik Brom, della Portland Mountain Rescue alla Cbs – proteggendoli e scaldandoli con il suo corpo: durante la notte, nel canyon spira un vento infernale".
 
Se il salvataggio ha avuto successo, tuttavia, parte del merito va attribuita anche ai dispositivi elettronici che i dispersi avevano con sè, e che hanno permesso una loro rapida localizzazione. Le operazioni di soccorso, tuttavia, sono state molto complesse a causa della bufera, dell’altissimo pericolo valanghe e delle raffiche di vento oltre i 110 chilometri orari che spiravano nella zona.
 
Secondo le ricostruzioni, i tre alpinisti facevano parte di un gruppo di otto elementi che voleva raggiungere la vetta del Mt. Hood domenica. Sabato hanno bivaccato tutti insieme sulla montagna, ma domenica, notando l’avvicinarsi del brutto tempo, hanno deciso di rinunciare alla cima e di scendere.
 
Intorno ai 2.800 metri di quota, però, i tre sfortunati sono scivolati e precipitati per 500 metri lungo un ripido pendio. Dopo la caduta, si sarebbero di nuovo incamminati in discesa, fino a raggiungere una piana, dove hanno bivaccato per la notte insieme al cane.
 
Uno dei cinque compagni, assistendo alla caduta e perdendo di vista i compagni, ha subito avvertito i soccorsi.
 
 
Sara Sottocornola
 
Related links
 
Foto: courtesy of Cbs News

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close