• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ricerca

Cimone, visite all’Osservatorio Vittori per conoscere i segreti del clima

Osservatorio Climatico Cnr-Isac Ottavio Vittori (Photo parcoappennino.it)
Osservatorio Climatico Cnr-Isac Ottavio Vittori (Photo parcoappennino.it)

SESTOLA, Modena — L’Osservatorio Climatico Cnr-Isac Ottavio Vittori apre le porte ai visitatori. Come da diversi anni, nel mese di agosto, il laboratorio posto sulla vetta del Monte Cimone accogliere escursionisti e curiosi per illustrare le attività di ricerca scientifica che si svolgono ad oltre 2000 metri di quota. Ieri si è svolta la prima giornata di apertuta, mentre le altre sono in programma per l’8, il 22 e il 29 agosto, dalle ore 10 alle 16: i ricercatori dell’Isac-Cnr (Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche) mostrano la sofisticata strumentazione che misura continuativamente le concentrazioni di composti atmosferici clima-alteranti ed inquinanti. Durante la mattina di queste giornate, coordinate dal Parco del Frignano, sarà possibile visitare anche il vicino Osservatorio Meteorologico dell’Aeronautica Militare.

Le visite permetteranno ai visitatori di conoscere come si misura la salute del pianeta Terra, con quali strumenti e sensori, e nell’ambito di quali progetti. Sarà un’occasione per vedere come e dove il Cnr impegna una parte dei propri fondi destinati alla ricerca, anche se va ricordato che molte delle attività qui condotte sono partecipazioni a progetti internazionali. Dagli anni ’80  Isac-Cnr promuove e coordina le attività condotte in aree di alta quota, partendo da questa Stazione di ricerca scientifica che un tempo era un Rifugio del Cai dedicato alla memoria del tenente Gino Romualdi, caduto nella prima guerra mondiale. In questo Osservatorio, anche in collaborazione con le università di Urbino, Bologna e Modena, così come nel vicino Osservatorio dell’Aeronautica, sono condotti numerosi programmi di misura inerenti lo studio della composizione dell’atmosfera nell’area del bacino del Mediterraneo e della Pianura Padana.

In particolare, sono eseguite misure continuative inerenti la concentrazione di alcuni dei principali gas inquinanti e clima-alteranti (ozono, metano, protossido di azoto, monossido di carbonio, clorofluorocarburi) ed osservazioni riguardanti la caratterizzazione fisico-chimica dell’aerosol atmosferico, tra cui misure di black carbon. La stazione ‘Vittori’, già supersito per l’aerosol atmosferico nell’ambito del progetto Eusaar, è uno dei ‘Supersiti’ per la misura dei composti atmosferici nell’ambito del progetto europeo Actris (Aerosols, Clouds, and Trace gases Research InfraStructure Network), oltre che per i progetti Share – Stations at High Altitude for Research on the Environment del Comitato Evk2Cnr e Gaw-Wmo. Proprio dall’Osservatorio Cnr Vittori è nato infatti l’Osservatorio climatico più alto del mondo: il Nepal Climate Observatory at Pyramid, situato in Himalaya a 5079 m di quota, alle pendici del Monte Everest. Le attività condotte sul Cimone, così come quelle himalayane, hanno permesso di definire meglio le caratteristiche di fondo dell’aerosol atmosferico e dei gas clima-alteranti e la loro influenza sul clima, determinando anche il ruolo che  diversi processi di trasporto hanno in questo ambito.

Insieme alle attività di ricerca scientifica, nel 2004 fu promosso dal Cnr ed avviato grazie alla collaborazione con  il Servizio meteorologico dell’Aeronautica militare e il Parco Regionale del Frignano, il ‘Sentiero dell’Atmosfera’, un percorso in alta quota che dalle pendici del Monte Cimone porta sino alla sua vetta. Salendo il sentiero, 10 pannelli illustrano e introducono alle attività di studio e monitoraggio che vengono condotte agli Osservatori del Cnr e dell’Aeronautica militare. A partire da settembre, le guide del Parco accompagneranno le scolaresche attraverso il  ‘Sentiero della Atmosfera’, mentre i ricercatori del Cnr e il personale dell’Aeronautica accoglieranno gli studenti nei laboratori.

Info: www.isac.cnr.it/cimone

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.