• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Primo Piano

Vallee de l’Isere, 60 persone bloccate su una cabina della teleferica

Il salvataggio di un passeggero della cabina (© AFP)
Il salvataggio di un passeggero della cabina (© AFP)

HUEZ, Francia — Disavventura senza gravi conseguenze sabato scorso nella Vallee de l’Isere per sessanta persone rimaste bloccate a 70 metri d’altezza su una cabina della teleferica che conduce al Pic du Lac Blanc a causa della sovrapposizione dei cavi utilizzati per il movimento dell’impianto. I passeggeri sono stati fatti scendere con la corda dai soccoritori che hanno effettuato l’intervento in circa due ore, mentre la temperatura era di oltre 10 gradi sotto lo zero.

Sessanta persone si trovavano sabato mattina sulla teleferica della stazione sciistica dell’Alpe d’Huez che conduce al Pic du Lac Blanc, cima di 3323 metri facente parte del massiccio dei Grandes Rousses, nella Vallee de l’Isere. Poco prima di mezzogiorno la cabina si è fermata poichè i due cavi utilizzati per il movimento si erano sovrapposti, probabilmente per una forte folata di vento.

I passeggeri sono rimasti bloccati a 70 metri d’altezza con una temperatura esterna di oltre 10 gradi sotto zero fino all’arrivo dell’elicottero che ha calato due uomini del Peloton de gendarmerie de haute montagne (PGHM) d’Isère e alcuni tecnici della teleferica sul tetto della cabina. I soccorritori hanno iniziato le operazioni di recupero facendo scendere le persone in corda doppia fino al suolo.

Il salvataggio si è concluso poco dopo le 14 e tutti i passeggeri sono usciti indenni dalla disvventura e portati nel vicino ristorante dove hanno potuto rifocillarsi. La teleferica rimarrà chiusa fino all’autorizzazione del Ministero dei trasporti che dovrà fare luce sull’accaduto e assicurare la piena funzionalità e sicurezza dell’impianto.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Complimenti ai soccorritori, in particolare al pilota dell’elicotero che gli ha calati sulla cabina. Una manovra estremamente difficile e rischiosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.