• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Alpinismo, Alta quota, Karakorum, Top News

Invernale al K2, i russi tentano il colpo grosso

K2
K2

ISLAMABAD, Pakistan — La prima salita invernale al K2 è per molti un sogno nel cassetto. Una sfida epica perché, quella che in tanti definiscono la montagna più difficile del mondo, in inverno è ancora più dura. Che i russi siano interessati a tentare il colpo grosso lo si sapeva da tempo, quest’anno però pare sia arrivato il momento di mettere in atto un nuovo tentativo. Guidati dal capospedizione Viktor Kozlov scenderanno in campo 16 fuoriclasse russi: Alexey Bolotov, Gennady Kirievskiy, Vlaimir Belous, Nikolai Totmianin, Valery Shamalo, Gleb Sokolov, Vitaliy Gorelik, Lias Tukhvatullin, Andrey Mariev, Vadim Popovich, Evgeny Vinogradskiy, Nikolay Chernyy, Sergey Bychkovskiy, Igor Boriseko e Vladimir Kuptsov.

I 16 che faranno l’impresa – una vera armata di forti condottieri -, tenteranno quello che fino ad oggi non è ancora riuscito a nessuno. L’obiettivo è difficile ed è già fallito in passato, anche a scalatori di altissimo livello come il team polacco guidato nel 1987 da Andrzej Zawada, che compii il primo tentativo, o quello nel 2002-2003 dall’alpinista simbolo storico delle salite in invernale, Krzysztof  Wielicki. Di quella spedizione facevano parte anche i kazaki Vassiliy Pivtsov e Denis Urubko. Quest’ultimo all’epoca non aveva ancora mai toccato la cima di un ottomila.

La spedizione si risolse in un finale drammatico: dopo che una gelida e violentissima bufera si era scatenata sul K2 mettendo ko quasi tutto il team, gli unici a tentare la cima furono Urubko e Kaczkan. Era il 26 febbraio del 2003: i due arrivarono fino a campo 4, a 7630 metri, in condizioni difficilissime, poi il polacco iniziò a stare male. Il vento forte aveva distrutto e spazzato via gran parte del loro accampamento, compreso il kit di emergenza, lasciando loro una sola aspirina a disposizione. Alla fine piano piano Kaczkan e Urubko ridiscesero al base. A questo punto, il 28 febbraio, Wielicki decise che la missione finiva lì. Nonostante avesse dichiarato di voler riorganizzare una spedizione invernale sulla seconda montagna della terra, dopo quell’anno non ci fu un ritorno.

Secondo quanto riferisce Explorersweb, Viktor Kozlov ha studiato a lungo la preparazione di un nuovo tentativo e ora è pronto a metterlo in pratica. L’organizzazione sarà in stile militare, caratterizzata da un grande team di alpinisti che lavoreranno divisi in squadre per permettere la salita: alcuni attrezzeranno la parete con le corde fisse, altri allestiranno i campi alti. Tutti saranno determinati a far sì che l’obiettivo sia raggiunto.

Il K2 in inverno è però una delle più grandi sfide dell’alpinismo rimaste aperte ai giorni nostri. Con i suoi 8611 metri, è per molti la montagna delle montagne, la cima più difficile al mondo. In inverno forti venti e freddissime temperature, associati all’altezza della seconda montagna più alta del mondo, rendono la salita ancora più dura.

Alcuni degli scalatori che facevano parte della salita invernale al K2 del 2002 saranno impegnati sempre in Karakorum questo inverno, ma su altre montagne. Oltre a Denis Urubko, che farà squadra con Simone Moro, ci sarà al Nanga Parbat anche il team polacco della spedizione “Justice for all – Nanga Parbat Expedition 2011 / 2012”, composta da Marek Klonowski, Lukasz Biernacki, Tomasz Machiewicz e Bartosz Malinowski e guidata da Piotr Strzezysz.

Info: www.k2news.com/winterk203/winterk2dispatches.htm

Articolo precedenteArticolo successivo

20 Comments

  1. io non mi son mai permesso di dubitare delle altrui esperienze…
    ma qui si parla solo per sentito dire e simpatia.

    io ho scalato sia il GII che il K2… conosco bene la differenza. Voi siete mai saliti sopra i 3000 metri ?

  2. Stavo dando un’occhiata e mi è caduto lo sguardo sul commento di Simone. Scusami, ma non credo proprio che “il COnfo” sia Marco Confortola (vista la tua risposta …). Non è da lui scrivere certe cose.

  3. anche perchè Marco Confortola si è reso protagonista di imprese ben più prestigiose !!! e non perderebbe tempo in futili polemiche…

  4. Personalmente apprezzo molto di più chi ha scalato il G2 in 3 persone e chi tenterà il Nanga Parbat in 2 che chi tenterà il K2 in 16!

  5. concordo con te Fra.
    Poi vediamo SE arrivano su e COME arrivano su.
    Simone, Denis e Cory sono partiti in tre e tornati in tre.

  6. il G II è stato SCALATO in condizioni durissime e da validissimi “Alpinisti” e a loro va l’ennesimo complimento. Il K2 al momento è un progetto e dopo il tentativo vedremo il risultato. Se ce la fanno andrà anche a loro un grosso complimento…intanto un “in bocca al lupo” ai 2 del Nanga e ai 16 del K2…

  7. Trovo inutili queste polemiche a distanza tra i due. Sono sterili affermazioni fini a se stesse di due persone invidiose l un l altro parrebbe, e che fanno male all’alpinismo.

    Dov’è finito lo spirito di bonatti ?

  8. Il mio punto di vista e’che G2 o K2 poco importa il prestigio c’e’sempre e comunque.Lo dice anche Gnaro che su’un 8000m non si scherza affatto,la via normale di un 8000m non e’una passeggiata vedi l’altezza e tutto quello che puo’comportare.
    Se’i Russi saliranno senza ossigeno tanto di cappello…stessa cosa per Simone e company se’riusciranno nel loro intento…il successo e’anche tornare vivi a casa…

  9. Sono d’accordo.
    Ma non mi pare giusto sminuire l’impresa di qualcun’altro.
    Se i russi arrivano su, tanto di cappello ci mancherebbe altro.
    Se non ci arrivano, tanto di cappello lo stesso, ci hanno comunque provato.
    Poco importa la montagna su cui si posano i nostri sogni…l’importante è perseguirli.
    Alberto C.

  10. k2 via kukuczka – Piotrowski

    Dovrebbero salire dalla via Cesen (o degli Olandesi) e poi traversare per la via Kukuczka – Piotrowski, ma a qualcuno di voi, interessa? ,

  11. GII,spedizione militare,Moro qui,Confortola là, ecc ecc ecc…Qui si parla di salire il K2 in Inverno!!! Possono essere anche in 200, ma se il K2 decide di nn farti salire,nn sali!!! Poi se è vero cm dice Paolo,che salgono dalla mitica “Via Sud”,che non è mai stata ripetuta,tanto di capello ai Russi…BUONA FORTUNA!!! tt il resto è invidia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.