• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Top News

Ande: manto bianconero per gli strati di neve e cenere del vulcano

Sezione di neve in Argentina 1 (Photo courtesy Kairn.com)
Cerro Bayo, strati di neve e cenere (Photo courtesy Kairn.com)

SANTIAGO, Cile — Ricordate la forte eruzione di cenere esplosa all’inizio di giugno dal vucano Puyehue, al confine tra Cile e Argentina? La cenere aveva raggiunto raggiunto livelli di 30 cm al suolo in Sud America e oltrepassato i confini, raggiungendo perfino l’Australia. Con l’inverno alle porte, molti temevano per i manti nevosi delle Ande. Ma gli esperti hanno verificato che in realtà, la cenere li rende più stabili. E ci hanno regalato fotografie spettacolari.

L’analisi del manto nevoso è stata eseguita nel comprensorio sciistico del Cerro Bayo, 5.400 metri, da un esperto della società Recco per la ricerca in valanga, il francese Cedric Larcher. I diversi test – come ha annunciato Larcher in una conferenza stampa nei giorni scorsi, hanno dimostrato che attualmente non vi sono rischi aggiuntivi causati dalla combinazione di neve e di cenere che si sono stratificate sulla superficie innevata.

Anzi. Secondo Larcher, il materiale vulcanico sembra aiutare il compattamento del manto nevoso. “Bisogna tener presente – sottolinea però lo scienziato – che la stabilità è una informazione parziale e locale. Sebbene abbiamo condotto gli esperimenti in zone a rischio valanga, acausa della struttura della neve, la stabilità non può essere la medesima ovunque e su una montagna il rischio zero di distacchi non esiste”.

Rimane ora da capire cosa accadrà con lo scioglimento, quando sopraggiungerà il caldo primaverile. Il fenomeno non ha precedenti, e le previsioni appaiono difficili.

 

Esperimento sul Cerro Bayo (photo courtesy Explorersweb.com)
Esperimento sul Cerro Bayo (photo courtesy Explorersweb.com)

Sezione di neve sul Cerro Bayo (Photo courtesy Kairn.com)
Sezione di neve sul Cerro Bayo (Photo courtesy Kairn.com)
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.