News

Gran Sasso, cinque escursionisti salvati nella notte

Monte Prena (Photo Aurelio Candido - flickr.com)
Monte Prena (Photo Aurelio Candido - flickr.com)

CAMPO IMPERATORE, L’Aquila — Sono stati recuperati ieri sera cinque persone bloccate dal maltempo sul monte Prena, nel massiccio del Gran Sasso. Si tratta di due escursionisti di Chieti e tre di Roma, facenti parte di due gruppi distinti ma entrambi in difficoltà e non in grado di individuare la giusta via per rientrare a valle.

I due gruppi erano saliti in vetta al monte Prena, la montagna di 2561 metri separata dal monte Camicia da un’ampia sella. Quando hanno chiamato aiuto erano sulla strada di ritorno lungo il sentiero che porta prima al Vado di Ferruccio e che da qui scende nella piana di Campo Imperatore, nei pressi della ex miniera di scisti bituminosi.

Poco sopra i 2300 metri di quota, a causa delle cattive condizioni meteorologiche, hanno perso il sentiero: fortunatamente avevano con sé un GPS e, dopo aver chiamato i soccorsi, rimanendo in contatto telefonico hanno potuto dare indicazioni precise sulla loro posizione. Subito si sono attivate le squadre del Soccorso alpino abruzzese, insieme a quelle del Corpo forestale e della Guardia di finanza.

I soccorritori li hanno localizzati sulla cartografia digitale e hanno dato loro indicazione sulla direzione da prendere facendoli ritornare sui loro passi fino a ritrovare il sentiero, ed evitando che finissero sul versante teramano, un lungo e ripido pendio che scende fino a quota 700 metri. Nel frattempo altre squadre si muovevano via terra e intorno alle 21 hanno raggiunto i 5 escursionisti.

Dopo i primi soccorsi sono stati trasportati a valle e alle 22.30 hanno raggiunto la piana di Campo Imperatore. Sembra che tutti e cinque fossero in buone condizioni di salute, anche se infreddoliti, dato che nella zona aveva anche cominciato a nevicare.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close