• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Marmolada, recuperati 3 polacchi sulla via dell'Ideale

via dell'ideale Marmolada d'Ombretta (Photo Pareti Verticali)
via dell'ideale Marmolada d'Ombretta
(Photo Pareti Verticali)

ROCCA PIETORE, Belluno — Sono stati recuperati questa notte tre alpinisti polacchi bloccati sulla via dell’Ideale in Marmolada a circa 300 metri dalla vetta. Ieri pomeriggio infatti, durante la salita, uno dei tre era caduto, precipitando per alcuni metri e ferendosi al volto e a una caviglia. L’infortunio gli ha impedito di proseguire, così sono partiti i soccorsi.

I tre polacchi stavano salendo lungo una delle vie classiche della Marmolada d’Ombretta, molto impegnativa nei suoi 900 metri di dislivello e 1.400 di sviluppo. Dopo l’incidente gli alpinisti si sono fermati sotto un tetto di roccia, un punto che ha reso inutili tutti i tentativi di avvicinamento dell’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, poiché era impossibile da avvicinare sia con gancio baricentrico, sia con verricello.

Le squadre del Soccorso alpino sono quindi intervenuti dall’alto: una ventina di tecnici delle Stazioni di Val Pettorina, Val Biois, Alleghe e Agordo con materiale e attrezzatura sono stati trasportati dall’elicottero dell’Air serice center fino a Punta Rocca, a 3.300 metri di quota.  I soccorritori si sono posti sulla verticale delle via dell’Ideale e hanno attrezzato gli ancoraggi per calarsi nel buio.

Due uomini del Soccorso alpino hanno raggiunto per primo il ferito, l’hanno assicurato e portato alla vetta, dove gli sono state prestate le prime cure. Poi sono stati recuperati gli altri due alpinisti e intorno alle 2 del mattino soccorsi e soccorritori si sono riparati in una rimessa di cemento, unico rifugio di Punta Rocca, attendendo l’alba.

Intorno alle 5.30, l’elicottero di Trento è arrivato per imbarcare l’infortunato e trasportarlo all’ospedale di Cavalese, mentre l’elicottero dell’Air service center recuperava le squadre di soccorritori.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Io quel giorno ero nei paraggi( p. Ombretta) assieme ad amici ed ho seguito quella arrampicata per un bel pezzo e anche altre su altre vie . Alla sera ho ho seguito da malga Ciapela l’arrivo degli elicotteri e del soccorso alpino.Sono rimasto in ansia per tutta la sera. Grazie amici del soccorso alpino, grazie di cuore anche a nome di tutti coloro che hanno avuto o avranno bisogno di voi e non vi potranno ringraziare.
    Sergio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.