Sport

Mondiale sulle Grigne: pioggia, percorso ridotto, sorprese sul podio

immagine

LECCO — Un po’ di delusione per la penultima prova mondiale di skyrunning sul Sentiero delle Grigne, in Valsassina, ancora una volta soffocata da pioggia e nebbia. Motivi di sicurezza hanno imposto la scelta del percorso ridotto, che ha visto una vittoria tutta italiana: quella di Massimo Colombo e Daniela Gilardi.

Per il secondo anno consecutivo, non è stato possibile realizzare quella corsa da sogno che organizzatori, concorrenti e pubblico speravano finalmente di ammirare.
 
Le maestose guglie della Grignetta, il calcare bagnato, i tratti tecnici attrezzati con le catene erano troppo infidi e rischiosi da affrontare dopo una notte piovosa come quella tra sabato e domenica scorsa. 
 
Così, per motivi di sicurezza, la gara si è svolta sul percorso ridotto, passando dai 43 chilometri iniziali ad un tracciato lungo quasi la metà, più semplice e molto meno tecnico. E la gara ha riservato parecchie sorprese, probabilmente anche perchè la preparazione degli atleti era tarata su un percorso totalmente diverso.
 
Il Trofeo Scaccabarozzi è andato a Colombo che ha completato il percorso in 2:48’05. Secondo Marco Rusconi in 2:49’01, e terzo Fausto Rizzi con un tempo di 2:50’53.  Dennis Brunod, che ad inizio gara sembrava promettere il podio, si è invece perso nella seconda metà del sentiero. E’ arrivato settimo l’atteso Fulvio Dapit, che con una vittoria a Lecco avrebbe potuto scalare la classifica mondiale dove adesso si trova al secondo posto, dietro il messicano Ricardo Mejia.
 
Sul versante femminile ha trionfato la solita Daniela Gilardi, che con 3:25’42 ha battuto la catalana Ester Hernández e Stephanie Jiménez di Andorra, rispettivamente seconda e terza classificata. Solo quinta Emanuela Brizio.
 
Manca solo un soffio, ora, all’elezione dei campioni del mondo: la gara finale delle Buff Skyrunner World Series, che si disputerà in Malesia il prossimo 30 settembre.
 
Intanto a Lecco si pensa al futuro. E Adriano Greco – uno dei due tracciatori del percorso – è già stato interpellato per ideare una variante del percorso del Trofeo Scaccabarozzi. Che sia di pari livello, ma presenti minor rischio di saltare ad ogni bizza del tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close