News

Legambiente: l’aria di montagna è inquinata

27 ottobre 2005L’aria di montagna è – anzi sarebbe – inquinata. Lo dice l’ultimo dossier di Legambiente, secondo cui le capitali alpine dello smog sarebbero Bormio, Cortina e Moena, mete per antonomasia del turismo montano. 

 

alpiL’analisi di Legambiente è stata effettuata dalla celeberrima Carovana delle Alpi durante il periodo estivo. E ha toccato le principali località turistiche dell’arco alpino. "Dai nostri rilevamenti – spiega il responsabile della Caravana, Damiano Di Simine – emerge che il biossido di azoto è sopra i limiti indicati dalla legge. Il benzene è fuori controllo a Moena e presenta livelli preoccupanti a Bormio, pur rimanendo al di sotto della soglia di legge. Il pm10 invece sfora a Cortina". 

 

Due gli imputati principali dell’inquinamento sulle vette: i troppi mezzi pesanti in circolazione e un turismo tutto motorizzato. Gli ambientalisti hanno anche assegnato le note "bandiere nere" e "bandiere verdi" sulla gestione del territorio alpino. La bandiere nera è stata assegnata al Parlamento italiano per la ratifica, ancora latitante, della Convenzione delle Alpi.

 

La scelta di concludere la Carovana con la presentazione dei dati del dossier sulla qualità dell’aria a Torino, sede dei Giochi olimpici invernali del 2006, non è casuale. "Il Piemonte – attaccano gli ambientalisti – ha perso l’ennesima opportunità per innovare il turismo della propria montagna. Con Toino 2006 ancora una volta le valli piemontesi hanno subito le scelte e gli orientamenti della città e del suo sistema industriale, che ha imposto grandi poli invernali e grossi affari immobiliari, anziché un sistema di ricettività capace di distribuire gli arrivi nel corso dell’anno e di far crescere un’economia radicata localmente."

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close