News

Neonato gettato in un lago della Valsugana

27 settembre 2005Brutto episodio di cronaca nera in Valsugana. Il corpo senza vita di un neonato è stato trovato in un sacchetto di plastica che affiorava dalle acque del lago di Caldonazzo (nella foto sotto), in Trentino, nei pressi della riva, a circa 20 metri dalla sede dello Sci nautico Trento.

 

caldonazzoIl ritrovamento è stato effettuato da un 50enne del posto, ispettore forestale e gestore di un bar della zona, che in un primo momento ha pensato che qualcuno si fosse disfatto della spazzatura gettandola nello specchio d’acqua. Quando ha recuperato la borsa, l’uomo si è accorto del corpicino al suo interno e ha avvisato i carabinieri.

 

Il bimbo, un maschietto di pelle bianca, era avvolto in un asciugamano turchese. Era appena nato e aveva ancora il cordone ombelicale. Accanto al neonato, nella borsa, c’era anche una pietra di circa 20 centimetri di diametro, messa lì volutamente affinché il sacchetto potesse affondare nelle acque del lago.

 

Secondo gli inquirenti, chi ha voluto disfarsi del corpicino avrebbe agito di notte, gettando dalla riva la borsa e non rendendosi conto che l’acqua, in quel punto, è poco profonda.

 

Sono in corso le indagini per individuare la madre del neonato. Il corpicino si trova ora nella camera mortuaria dell’ospedale S.Chiara di Trento. L’autopsia, disposta dal sostituto procuratore Carmine Russo, dovrà chiarire se il bimbo sia nato morto oppure sia deceduto per altre cause.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close