• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura

Aprica, storia e tradizioni protagoniste al rifugio Valtellina

immagine

APRICA, Sondrio – Sabato 2 settembre, il Rifugio Valtellina (1.920 metri di quota) si vestirà di cultura.  La storia e le tradizioni della Valtellina e della Valcamonica saranno protagoniste di una giornata di riflessione e intrattenimento organizzata dal Club Alpino Italiano.

Ivan Fassin, studioso di storia ed etnografia valtellinese, racconterà delle credenze popolari locali e Flaminio Benetti, consigliere centrale del CAI e membro del gruppo di lavoro “Terre Alte” di Sondrio, parlerà degli insediamenti in quota in Valtellina. La Valcamonica entrerà in scena con Giovanna Bellandi, esperta di culture preistoriche, che relazionerà sull’arte rupestre camuna.
 
La giornata culturale sarà inframezzata da un pranzo a buffet con specialità gastronomiche delle due valli, perlopiù a base di formaggi, bresaola, vino, mele. E si concluderà con una visita all’Osservatorio Eco-faunistico Alpino dell’Aprica, guidata dal direttore Bernardo Pedroni, che durante il convegno presenterà anche una relazione sugli animali del Parco ed i loro richiami.
 
Il convegno si inserisce nel quadro delle iniziative del Club Alpino Italiano per promuovere i rifugi come “presidi culturali” ed è stato organizzato dalla Commissione Centrale Rifugi e Opere Alpine e dalla Sezione CAI Aprica. All’evento parteciperanno anche il presidente generale del CAI, Annibale Salsa, e numerose autorità locali.
 
Il rifugio Valtellina, sito in località Careggia di Aprica, è collegato al Passo Aprica dagli impianti di risalita del Palabione. Per ragioni logistiche, il convegno sarà a numero chiuso. Informazioni presso la Sezione CAI di Aprica.
 
Sara Sottocornola
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.