News

Nepal: il Governo fa dietrofront sul prezzo della benzina

immagine

KATHMANDU, Nepal — Per cercare di sedare la protesta che si è diffusa ormai in tutto il paese, il Governo nepalese ha chiesto ufficialmente oggi alla Nepal Oil Corporation di ritirare l’aumento del prezzo della benzina e e dei prodotti petroliferi, seguito peraltro a una decisione del governo dei giorni scorsi. 

Il Governo è arrivato a questa soluzione dopo una riunione d’emergenza del Gabinetto dei ministri, presieduta dal premier Girija Prasad Koirala rientrato in tutta fretta nella capitale questa mattina.
 
Il Gabinetto intanto ha costituito una task force composta da tre membri sotto la guida dell’ex ministro delle finanze Bhanu Prasad Acharya per studiare iniziative di adeguamento del prezzo dei carburanti fossili.
 
Alla commissione partecipano anche il ministro Purushottam Ojha e il rappresentante della Nepal Rastra Bank, Shiva Nath Pandey.
 
Il governo è stato sottoposto a forti pressioni di piazza – a cui ha partecipato anche il partito che sostiene il primo ministro – per il pesante innalzamento del prezzo della benzina.
 
La protesta si è presto diffusa a tutta la nazione. Per due giorni, nella capitale e nei maggiori centri urbani del paese si è assistito scene di vandalismi e devastazioni.  Mentre il traffico veicolare, le sedi istituzionali e le scuole della capitale venivano quasi del tutto bloccate. La maggioranza delle attività commerciali sulle vie principali di Kathmandu è rimasta chiusa. Mentre restano aperti diversi negozi delle vie interne.
 
I dimostranti (nella foto ekatipur.com) hanno dato fuoco a pneumatici per ostruire l’accesso alle varie zone della capitale fin dalla mattina. La protesta si è allargata ai quartieri di New Baneswor, Tinkune, Koteswor, Jadibooti, Chabahil, Gaushala, exhibition road, Lainchour, Kalimati and Patan.
 
Di conseguenza, le Commissioni diritti Umani e Affari esteri del parlamento hanno chiesto al governo di fare marcia indietro sulla decisione di aumentare il prezzo dei prodotti petroliferi.
 
leggi gli approfondimenti www.nepalmountainnews.org

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close