Cronaca

Aosta: abbandonano tre figli e spariscono

immagine

AOSTA — Hanno abbandonato i tre figlioletti in una pizzeria e sono scappati. L’assurda vicenda, che vede protagonista una coppia di giovani tedeschi è accaduta domenica sera, in un locale alla periferia del capoluogo valdostano. I due sono tuttora ricercati dalla polizia. Il timore è quello che stiano cercando di farla finita, anche con la loro vita.

Certo la vicenda lascia di sasso. Erano circa le nove della sera quando i due – la madre Caterina Remhof di 26 anni e il compagno Sascha Schmidt di 24 anni – sono entrati nel locale e hanno ordinato delle pizze, facendo accomodare i tre bimbi di 8 mesi, 4 e 6 anni. Poi sono usciti dicendo che andavano a fumare una sigaretta. E da quel momento sono sprariti, lasciando i poveri bambini agli esterrefatti camerieri.
 
Avvisata la polizia, gli investigatori hanno cercato subito di mettersi sulle tracce degli scomparsi. Ma sono riusciti solo a trovarne l’auto, parcheggiata non distante dal locale. Subito la Questura ha diffuso il loro identikit dei due giovani.
 
 L’uomo è alto un metro e ottanta, ha corporatura esile, capelli scuri e corti e barba incolta. Al momento della scomparsa indossava jeans e un maglione scuro con la scritta "London".
 
La donna è alta un metro e settanta, corporatura normale, capelli lisci di colore castano scuro. Anche lei indossa jeans chiari e una felpa grigia con cappuccio.
 
Nel frattempo, attraverso l’interpol, è stata rintracciata in Germania la nonna dei tre bambini. Sarà il tribunale dei minori di Torino a stabilire se i piccoli, che al momento sono in buone condizioni e sono accuditi dai servizi sociali della Val d’Aosta, possano essere restituiti alla famiglia.
 
Quel che preoccupa di più però è la sorte dei due giovani. Il bimbo più grande ha raccontato agli agenti quel che è successo prima dell’abbandono. Gli investigatori hanno così provato a formulare delle ipotesi sulla scomparsa. In un taccuino trovato nell’auto, la polizia ha individuato appunti che farebbero pensare all’intenzioni di suicidio.
 
Secondo le indagini i due in passato avevano avuto problemi economici e di tossicodipendenza. Le loro carte di credito, ha riferito l’albergatore che li ha ospitati la notte del loro arrivo sabato in Val d’Aosta, erano esaurite.
 
WP
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close