Ambiente

Gran Sasso: avvistati 28 avvoltoi Grifone

immagine

ASSERGI, l’Aquila — Nei giorni scorsi 28 esemplari di Grifone (Gyps vulfus) sono stati avvistati sul versante occidentale aquilano del Gran Sasso, mentre si nutrivano di carcasse di animali, morti per cause naturali. Uno spettacolo del genere non si vedeva dal 1800, quando la specie era scomparsa dall’Abruzzo.

Il presidente del Parco Nazionale Gran Sasso Monti della Laga, Walter Mazzitti, si è detto sorpreso e allo stesso tempo soddisfatto della segnalazione. "E’ una straordinaria notizia che premia l’impegno dell’ente nella salvaguardia e nella tutela dell’ambiente", ha affermato Mazzitti.
 
Si può constatare, dunque, un aumento della biodiversità naturale nel Parco, dovuto sicuramente allo stato di ottima salute di cui gode l’area protetta. Notizia già confermata dal ritorno nei nostri boschi della Vipera dell’orsini e dell’Orso Bruno.
 
Gli avvoltoi ricoprono un ruolo importante nell’ecosistema e nel ciclo biologico della vita nel Parco: quello dei cosiddetti "spazzini della natura" che svolgono la funzione di naturali decompositori di carcasse e carogne.
 
Greta Consoli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close