News

La risposta di Patagonia alla sentenza che abolisce il diritto di aborto negli Stati Uniti

Venerdì scorso la Corte Suprema degli Stati Uniti ha eliminato il diritto di aborto a livello federale ribaltando la sentenza “Roe v. Wade” del 1973, che rendeva l’accesso all’interruzione volontaria di gravidanza tutelato su tutto il territorio nazionale. Questa decisione non rende l’aborto illegale negli Stati Uniti, ma si traduce nel fatto che ogni singolo stato potrà disciplinarlo senza vincoli, potendo anche rendere l’IVG illegale. E così è successo in 13 stati, in cui sono già entrate in vigore o sono imminenti leggi che vietano l’aborto totalmente o nella gran parte dei casi e nei prossimi mesi ci si aspetta che un’altra ventina di stati possano seguire la decisione di proibirlo o imporre restrizioni all’accesso.

Molte aziende statunitensi si sono attivate in questi giorni a sostegno delle proprie lavoratrici, tra queste anche Patagonia. Il brand outdoor ha prima di tutto dichiarato che pagherà la cauzione alle dipendenti arrestate mentre “protestano pacificamente per la giustizia riproduttiva” durante le manifestazioni che stanno avvenendo in tutto il Paese e che, soprattutto negli stati dove si sono già attivate le restrizioni e i divieti, stanno venendo represse con forza dalle autorità.

La cura dei dipendenti va oltre l’assicurazione sanitaria di base, quindi adottiamo un approccio più olistico alla copertura e al sostegno del benessere generale a cui ogni essere umano ha diritto. Ciò significa offrire ai dipendenti la dignità di accedere all’assistenza sanitaria riproduttiva. Significa supportare le scelte dei dipendenti sul se o quando avere un figlio. Significa dare ai genitori le risorse di cui hanno bisogno per lavorare e crescere i figli“, si legge nella dichiarazione rilasciate da Patagonia poco dopo la notizia della sentenza.

In concreto, insieme a un piano di assistenza aziendale per rendere più facile la genitorialità (tra cui congedi, asili aziendali e assistenza in caso di trasferte, bonus per chi non può accedere a tali servizi), l’azienda ha deciso di pagare le spese di viaggio, vitto, alloggio e procedure mediche alle dipendenti che saranno costrette a spostarsi in un altro stato per abortire nel caso in cui quello in cui vivono vi siano restrizioni all’accesso all’interruzione volontaria di gravidanza. Inoltre, saranno interamente coperte le spese mediche per la salute mentale.

Tags

Articoli correlati

11 Commenti

      1. Cosa intendi per propaganda? Se stai pensando che sia veicolata per vendere più giacche, leggiti un po’ di storia di Chouinard, della sua vita e di Patagonia.

    1. Appunto solo propaganda del pd ,in più la gente nn sa che potevano far abortire anche al 9 mese !Non è aborto ma omicidio!tutto per il traffico di feti e organi

      1. Sei una donna? Dal nome non mi pare. Quindi stai zitto che non sono certo i maschi a dover esprimere un parere sull’aborto…

  1. Dimmi: che cosa c’entra l’aborto con Chouinard?
    In quanto alle letture, io ho letto. Tu hai letto? E hai ragionato?

  2. Magari da una discussione più pacata, e nelle sedi più opportune, potrebbe uscire qualcosa di buono e positivo.
    Per quanto riguarda la scelta di Patagonia non farei un “processo alle intenzioni” anche perché mi sembra che l’ iniziativa, giusta o sbagliata che la si voglia definire, si inserisce in un più ampio contesto di welfare aziendale.

  3. Premessa:
    Sono il Pietro della risposta Patagonia e non quello del “Sei una donna?”
    Il libro lo ho letto molto bene. Concordo che la propaganda e le questioni etiche sul aborto siano cose slegate da un aiuto aziendale che Patagonia ed altri fanno per sostenere le donne che vogliono abortire. Sono imprenditore e padre di tre figli. Lavorativamente concordo col dare una mano. A livello di scelta etica su abortire, ovviamente non al 9 mese che è omicidio, è una questione complessa che si slega dall’argomento che ho discusso.
    Il resto è polemica. Ciao a tutti

  4. (from the WHO website)
    Safe abortion is health care. It saves lives. Full stop.

    All women should have the right to choose when it comes to their bodies and health. Restricting access to safe abortions drives women and girls towards unsafe abortions, resulting in complications, even death. The evidence is irrefutable.
    FULL STOP, PLEASE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close