News

Monte Bianco, tre crepacci minacciano la via normale

La salita in vetta al Monte Bianco è più complicata e pericolosa a causa di tre importanti crepacci che interessano l’Arête des Bosses, la cresta finale che conduce in vetta dal versante francese.

A dirlo uno studio condotto da Xavier Cailhol, Jacques Mourey, Ludovic Ravanel che nel marzo 2022 sono saliti a verificare le condizioni della montagna e a compiere alcune misurazioni e rilevazioni topografiche con GPS e droni allo scopo di creare un modello 3D per comprendere come si potrebbe evolvere la situazione del ghiaccio. Come spiega Montagnes Magazine, che riporta per primo la notizia, l’apertura di questi crepacci non è nuova e sembra essere avvenuta durante l’inverno 2020/21, tanto che la via seguita dalle ascese della scorsa estate passava sul fondo di una di queste fessure riempita dalla neve sotto l’azione del vento. Cosa che, spiegano gli studiosi, potrebbe avvenire anche durante la prossima stagione di vette, ma è presto per dirlo. Tra i pericoli oggettivi rilevati anche numerosi ponti di neve e la pendenza nella zona crepacciata che raggiunge i 50° su ghiaccio vivo. “Nelle condizioni attuali questo settore rende l’ascensione del Monte Bianco più difficile tecnicamente e richiede una grande prudenza nell’attraversamento dei ponti di neve”.

Il fattore cambiamento climatico

L’apertura di questi crepacci è un fatto già avvenuto in passato, spiegano le guide locali, ma mai con queste dimensioni. La causa più probabile, si legge nello studio, risiede nel fatto che quello del Bosses è un ghiacciaio di pendio la cui parte a monte ha temperatura sottozero ed è ancorata alla roccia, mentre la zona a valle è temperata (i cosiddetti ghiacciai caldi con temperatura a 0°C). Questo significa che a valle l’acqua di fusione sottostante alla massa glaciale la fa scivolare sulla roccia, un fenomeno intensificato a causa dei cambiamenti climatici che aumentando la temperatura accelera la velocità di scivolamento provocando una maggiore fessurazione, quindi crepacci.

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close