CronacaNews

Valanga in Val Senales. Muore coppia di scialpinisti

Una coppia di scialpinisti, marito e moglie, ha perso la vita nella giornata di domenica 3 gennaio, travolti da una valanga in Val Senales. Michael Gruener, 65 anni, ex presidente della banca Raiffeisen, e Monika Gamper di 52 anni, avevano intrapreso in mattinata una uscita scialpinistica sulle montagne di casa. La slavina si è staccata a circa 2.200 metri di quota, mentre i due si trovavano poco sotto la cima della montagna Klosterkreuz, alle spalle dell’abitato di Certosa di Senales (BZ).

Alcuni testimoni che hanno assistito al distacco avrebbero immediatamente lanciato l’allarme. Alle 13,40 i soccorsi sono entrati in azione.

Soccorsi ostacolati dalla nebbia

Le operazioni di ricerca e soccorso sono state inizialmente fortemente ostacolate perché la fitta nebbia non consentiva agli elicotteri Pelikan 1 e Pelikan 3 di alzarsi in volo. Successivamente la visibilità è migliorata e i soccorritori sono stati elitrasportati in quota con il Pelikan 2 fino al punto segnalato. Alle operazioni ha partecipato anche l’elicottero austriaco Alpin 2 arrivato dalla vicina Oetztal. L’uomo è stato estratto già morto dalla neve. La moglie è deceduta poco dopo sul posto dopo svariati tentativi di rianimazione.

Alle operazioni hanno preso parte oltre 100 soccorritori del Soccorso Alpino Provinciale di Senales, Laces e Merano, i Vigili del Fuoco volontari della Val Senales e i Carabinieri.

Alto pericolo valanghe

Le nevicate che proseguono incessanti sull’arco alpino hanno portato ad un incremento sensibile del pericolo valanghe, che oscilla tra un grado marcato (3) e forte (4). Rischio maggiore (4) caratterizza ancora nella giornata odierna, come si può evincere dai bollettini Aineva, sui rilievi di Piemonte e Veneto. Nell’are dell’Alto Adige, scenario della tragedia, il pericolo si attesta sul grado marcato.

Il Soccorso Alpino sta rinnovando quotidianamente un invito alla prudenza e all’analisi preventiva dei bollettini valanghe.

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close