Arrampicata

Stefano Ghisolfi su “Change”. Il primo passaggio chiave

Con il terzo episodio del video racconto in cui Stefano Ghisolfi ripercorre sul suo canale Youtube la salita di Change, 9b+ di Flatanger, il gioco inizia a farsi duro. “Un tuffo nel primo passo chiave di Change, il più duro di tutta la via”, sintetizza Stefano in calce al video.

Un passaggio che ha visto Ghisolfi impegnato più giorni per definire il beta migliore. Naturalmente non poteva che partire dal beta seguito da Adam Ondra nella prima salita della via. “Ma ho capito subito di dover trovare una alternativa per superare il passo chiave”. Ha così elaborato una successione propria di movimenti, inclusi vari ondeggiamenti notevoli e un aggancio di ginocchio.

Un passo indietro

“Ma torniamo alla prima parte della via, dove inizia da terra”. I primi movimenti su Change risultano essere abbastanza facili. A una prima sosta segue un piccolo tratto boulder seguito da una sosta pessima. La salita prosegue senza grandi difficoltà fino a un primo aggancio di ginocchio non dei migliori ma ottimale per riposare 30 secondi e attaccare il crux principale, la parte più complessa della via.

Il passo chiave

A questo punto Stefano realizza di non essere sufficientemente flessibile da seguire il beta di Ondra e introduce le sue modifiche. “C’è un aggancio di ginocchio che è in assoluto il più difficile che io abbia mai affrontato”. Serviranno alcuni giorni, come anticipato, per mettere a punto il giusto beta. Stefano sembra fiducioso e carico ma un imprevisto cambia tutto. Una brutta scivolata lo vede sbattere con il collo contro la corda.

“Anche se può sembrare in certo qual modo divertente, non lo è stato. Mi sono bruciato sotto il collo – racconta Ghisolfi – ed è successo due volte”. La seconda peggiore della prima.

Un incidente, anzi due, che non bastano a frenare la voglia di avanzare lungo il passaggio chiave. “Alla fine sono riuscito a superare il passaggio senza cadere”. Una piccola scomoda sosta e si prosegue con un secondo tratto ostile che condurrà alla parte della via in comune con Muy Verdes.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close