Mostre e convegni

Due eventi da non perdere al festival Fa’ la cosa giusta!

Inizia domani, 20 novembre, Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili organizzata da Terre di mezzo Editore. Fino al 29 novembre saranno oltre cento gli eventi online che scandiranno il ricco programma di questa edizione tutta digitale.

Due gli appuntamenti che vi consigliamo di non perdere.

Si potrà assistere a tutti gli appuntamenti, approfondimenti e webinar ​ in streaming su ​falacosagiusta.org,​ sulla ​pagina Facebook e sul ​canale Youtube​ di Fa’ la cosa giusta!

Via Francigena del Sud: siete pronti a camminare?

La Francigena è uno dei cammini più conosciuti e frequentati, ma in pochi sanno che la Via non termina a Roma, ma prosegue lungo lo Stivale arrivando fino in Puglia. 900 sono i chilometri che separano la capitale da Santa Maria di Leuca e che oggi sono pronti ad accogliere i viandanti di tutto il mondo.

Ne parleranno Angelofabio Attolico, Enrica Morgese e Maria Corno, con la moderazione del Direttore di Meridiani Cammini Walter Mariotti, all’incontro “Via Francigena del Sud: siete pronti a camminare?” venerdì 20 novembre, alle ore 13.00. Si farà il punto della situazione per capire a che punto è il percorso, com’è strutturata la rete di ospitalità, se la segnaletica è completa e se è possibile percorrere l’intero cammino in sicurezza.

Non solo, verranno fornite anche indicazioni pratiche per mettersi in cammino già dalla prossima primavera, con i consigli sui tratti più belli per chi ha poco tempo o le ferie contate.

L’evento fa parte de “La settimana dei cammini – Walk and live, Slower deeper”, una sette giorni di appuntamenti per viaggiare (per ora solo virtualmente) lungo tutta l’Italia in modo lento e rigorosamente a piedi attraverso i cammini, dai più famosi a quelli ancora tutti da scoprire.

La montagna italiana senza neve

È sotto gli occhi di tutti: la montagna invernale si sta trasformando. La necessità oggi è quella di ripensarla per trovare un nuovo modo di “viverla” tenendo conto degli effetti del cambiamento climatico. Ma lo si sta davvero facendo? nonostante le temperature crescano e le precipitazioni nevose si riducano di anno in anno, si moltiplicano in tutta Italia, dalle Alpi agli Appennini, progetti per realizzare nuovi impianti di risalita per favorire lo sci di discesa.

Una questione importante che verrà affrontata grazie all’analisi di alcuni “casi studio” durante l’incontro “La montagna italiana senza neve” sabato 28 novembre alle ore 21.00. A intervenire esperti e attivisti: Luigi Casanova di Mountain Wilderness, Ines Millesimi di Italia Nostra e Marano Mario Viola del Club Alpino Italiano. La moderazione è affidata a Paolo Paci, direttore scientifico della testata Meridiani Montagne a partire dal numero di gennaio 2021.

L’evento fa parte del filone tematico “​Ripartire dai territori”​ che rivolge l’attenzione ai territori, marginali e non solo, ​ricchi di patrimoni inestimabili e capaci di riattivare economie, risvegliare il turismo dolce, sostenere comunità e nuovi progetti imprenditoriali.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close