Film

Marco Zanchi racconta la sua avventura sul Sentiero delle Orobie

Nell’appuntamento di questa settimana con la rubrica Mountain and Chill saliamo in quota, e di corsa, per oltre 100 km sulle Alpi Orobie. Lo facciamo grazie a Marco Zanchi, trail runner di Cene (BG), classe 1976, due volte vincitore dell’Orobie Ultra Trail, che negli scorsi giorni ha deciso di mettere a disposizione online per tutti gli appassionati di montagna in quarantena “Orobie d’un fiato”. Il video completo della sua impresa realizzata lo scorso anno lungo il Sentiero delle Orobie.

138 km percorsi tutti d’un fiato, da Ovest a Est, in solitaria ma accompagnato virtualmente da molti amici e follower. Il documentario “Orobie d’un fiato” racconta questa avventura vissuta tra le montagne di casa, condividendone le bellezze con il pubblico grazie all’abile mano del regista Stefano Vedovati.

Il Sentiero delle Orobie è un tracciato che collega i molteplici rifugi e i bivacchi dislocati sulle Orobie bergamasche. Il percorso completo misura 150 km, suddiviso in due tronchi principali. L’occidentale, che parte da Cassiglio per arrivare al rifugio Fratelli Calvi. E l’orientale da Valcanale al Passo della Presolana. Marco ha percorso entrambi i sentieri, concatenandoli in un certo senso per un totale di 138 km e 10.500 metri di dislivello positivo affrontati in 26 ore.

L’avventura vissuta da Zanchi nel luglio 2019 è nata nel tempo, nei suoi venti anni di passione per il trail running. Non come ricerca di un record ma, come racconta in una intervista rilasciata al quotidiano Prima Bergamo, a mo’ di “tributo alle nostre montagne, il tutto attraverso un racconto che, passo dopo passo, parla della loro storia e della loro bellezza”.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close