Film

“La fatica non esiste ma ora è tempo di riposare”. Nico Valsesia regala agli appassionati due film sulle sue avventure

“La fatica non esiste, ma adesso è tempo di riposare”. Per affrontare al meglio la quarantena Nico Valsesia ha rivisitato un po’ quello che è il motto che lo accompagna da quando ha iniziato a collezionare le sue avventure a pedali. Ora è il tempo dell’attesa, in cui pianificare e sognare nuovi viaggi. In cui si può uscire di casa solo con la fantasia. Per aiutarci in questa impresa, Valsesia ha deciso di offrire gratuitamente per tutto il mese di aprile due film su due delle sue più grandi avventure. Ve li presentiamo nell’appuntamento Mountain and Chill di questa settimana.

On the road again

“On The road again” (1h 11’), è il racconto dell’ennesima impresa di Nico Valsesia: 3° posto assoluto alla RAAM 2014. Conosciuta come la più lunga gara endurance del mondo la Race Across America è la massacrante corsa in bici, non-stop a cronometro. Dalla California al Maryland, attraverso 12 stati, 4800 chilometri, 50mila metri di dislivello. Senza tappe, senza tempo designato per il cibo e per il sonno: vince chi pedala più velocemente, fermandosi il meno possibile. Quinta è, forse, ultima partecipazione per l’atleta di Borgomanero, accompagnato e motivato dal figlio 12enne rockettaro, Santiago. On the road again è il racconto asciutto ed epico dentro l’impresa di Nico, è la sua verità di atleta e di uomo. Regia di Alessandro Beltrame.

Màs Alto que los Cóndores

“Màs Alto que los Cóndores” (59′) racconta dell’incredibile sfida “From 0 to Aconcagua”. Non-stop partendo da Viña del Mar fino a raggiungere la cima dell’Aconcagua, la più alta vetta del continente americano. 22 ore e 31 minuti il tempo impiegato da Nico Valsesia per superare una distanza di 235 chilometri e un dislivello positivo di 7000 metri fino a raggiungere la cima della montagna. Una vetta, cresciuta tra due oceani, che ha sempre suscitato in Nico una certa ammirazione. Il nome, sonoramente femminile, sa di eleganza e maestosità allo stesso tempo. Quando gli hanno chiesto come mai cercare di scalarla partendo dal mare pare abbia risposto: per darle importanza. Poi, possiamo anche pensare che “da zero a” sia un po’ la metafora del ricominciare reinventando tutto, senza troppi bagagli, in stile leggero. Nello stile di Nico Valsesia. Regia di Alessandro Beltrame.

 

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Molto belli, imprese straordinarie.
    Grazie a Nico per averli resi disponibili e a Montagna.tv per la segnalazione.

  2. Bellissimi filmati! Bravo Nico e grazie a voi per opportunità . Due ore di sogno, ne abbiamo proprio bisogno.! Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close