Green

Nuova Zelanda. I ghiacciai diventano rosa a causa degli incendi

I ghiacciai della Nuova Zelanda mostrano da alcuni giorni una strana colorazione rosata. Colpa, secondo gli scienziati, degli incendi che stanno devastando le foreste australiane. Accanto ai koala, la cui sopravvivenza viene ulteriormente minata dal fuoco fuori controllo, anche i ghiacci perenni lanciano un grido di allarme.

Testimonianze fotografiche allarmanti

La fotografa di viaggio Liz Carlson ha scattato, nel corso di un volo in elicottero lo scorso 28 novembre, delle inquietanti immagini della neve rosata che ricopre la superficie dei ghiacciai nel Mount Aspiring National Park, nell’isola neozelandese del Sud.

“Sorvolando il Kitchener Glacier, mi sono resa conto di quanto fosse rosso. È stato uno shock”, ha raccontato alla CNN. “Spesso al termine dell’estate I ghiacciai possono apparire sporchi, magari grigi, a causa dello scioglimento della neve che si mescola alle polveri e ai frammenti di roccia nera, ma in questo periodo risulta bizzarro come fenomeno”.

E bizzarra è certamente anche la colorazione assunta dai ghiacci. Ricorderete forse della colorazione rosa acquisita dalle nevi lungo l’Appennino toscano nel marzo 2018, a causa delle sabbie del deserto africano trasportate dal vento. O della neve rosa di Yosemite, dovuta a un organismo estremofilo. In Nuova Zelanda la situazione pare diversa.

La causa a 1.000 miglia di distanza

Il collegamento della colorazione rosa dei ghiacciai con gli incendi australiani non è così immediato. Né tecnicamente potremmo definirlo dimostrato scientificamente. Si tratta di una tesi che però sembra non confutabile,

La stagione in corso risulta essere tra le peggiori nella storia dell’Australia in termini di incendi boschivi e i fumi, trasportati dai venti occidentali, raggiungono la Nuova Zelanda. Le particelle più pesanti cadono e, come  spiegato dalla meteorologa della CNN Monica Garrett, determinano la colorazione delle superfici innevate. Serviranno analisi di laboratorio per definire con precisione di che materiale si tratti.

Le immagini satellitari mostrano chiaramente il movimento compiuto dai fumi che si innalzano soprattutto nella zona orientale del New South Wales, attraversano il mare della Tasmania e l’isola Nord della Nuova Zelanda, per raggiungere infine la Sud. Parliamo di oltre 1.000 miglia.

Anche il cielo si colora

Anche I cieli della Nuova Zelanda sembrano confermare tale ipotesi, tingendosi di una sfumatura aranciata. La Carslon ha dichiarato di essersi sentita letteralmente a pezzi alla vista di fronte a un simile scenario.

“Gli incendi in Australia sono inevitabilmente legati ai cambiamenti climatici. I poveri ghiacciai non meritano tutto questo. Già sono sottoposti a un rapido scioglimento, poi se la loro superficie diventa rossa, ciò significa che non saranno in grado di riflettere bene la luce e inizieranno a sciogliersi ancora più in fretta”.

Una idea che trova conferma nella attuale condizione dei ghiacciai delle Ande, il cui tasso di scioglimento è stato accelerato in conseguenza degli incendi dell’Amazzonia. Allo stesso modo, la superficie dei ghiacciai andini è stata ricoperta di particolato proveniente dalle foreste in fiamme, piccoli frammenti di carbone che hanno ridotto la capacità delle superfici ghiacciate di riflettere la luce solare.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close